norme-covid19 - Reunion

Vai ai contenuti

Menu principale:

norme-covid19

Norme di prevenzione anti  Covid-19.


Entrata e uscita

La distanza interpersonale dovrà essere rispettata sempre sia durante l’accesso alle sale che durante il deflusso.



In entrata il personale della sicurezza dell’evento controllerà
green pass e temperatura;
le persone sprovviste di green pass
o con temperatura superiore a 37,5 non potranno accedere alle sale dove si svolgerà la manifestazione.


Green pass

Dal 6 agosto 2021 il green pass è obbligatorio per accedere a eventi e congressi. ll Governo ha confermato che anche convegni e congressi rientrano infatti in quelle attività, indicate dal decreto legge del 23 luglio 2021, come ristoranti al chiuso, ai tavoli dei bar, nelle palestre, nei cinema, teatri e musei il cui accesso sarà permesso solo ai possessori della certificazione verde.

Questo significa che tutti i partecipanti della Reunion XVII dovranno essere in possesso di un green pass, che attesta di avere effettuato il ciclo completo di vaccinazioni o di avere ricevuto almeno una dose di vaccino (in questo caso, la validità dura fino alla data della seconda dose), di avere effettuato un tampone con esito negativo nelle 48 ore precedenti o di essere guariti dal Covid.
Nel decreto legge n. 105 viene indicato che sono “i titolari o i gestori dei servizi e della attività” che devono verificare il possesso del green pass da parte di chi vi fa accesso. Quindi i responsabili dei controlli sul green pass nei convegni, congressi e meeting sono gli organizzatori dell’evento.

I controlli del green pass prevedono l’utilizzo dell’app Verifica C19. Si tratta della app sviluppata dal Ministero della Salute che devono usare tutte le attività per cui il green pass è obbligatorio. In pratica, l’app consente di verificare l’autenticità e la validità delle certificazioni verdi e si può usare offline, cioè senza essere connessi a Internet.  
Lato privacy, l’app non memorizza dati, quindi il verificatore non tiene traccia delle informazioni personali contenute nella certificazione.

Al nostro evento, gli incaricati della verifica saranno i membri dello staff della sicurezza che effettueranno i controlli, semplicemente utillizzando un dispositivo dove è stata installata l’app e ammetteranno solo chi è in regola.  

In pratica:
• il partecipante all’evento mostra il green pass con il QR code al verificatore, sono ammessi i formati digitali e quelli cartacei
• il verificatore legge il QR code tramite l’app, che avvia il processo di verifica
• il verificatore ottiene l’esito della verifica, che conferma o meno la validità della certificazione
Chi è incaricato al controllo del green pass all’evento può chiedere anche al partecipante di esibire un documento di identità valido.  
    
Ma cosa succede se il certificato non è valido (perché magari è scaduto nel caso si sia effettuato un tampone) o se il partecipante non ne è in possesso? Ovviamente il partecipante dovrà essere allontanato e non potrà partecipare all’evento.  
Il decreto legge indica anche le sanzioni previste in caso di violazione, che prevedono una sanzione pecuniaria da 400 a 1000 euro sia a carico del responsabile che del partecipante.  
Secondo quanto stabilito dal decreto legge, l’obbligo del green pass è valido per le zone bianche, ma anche, come indicato dall’art.3 “nelle zone gialla, arancione e rossa, laddove i servizi e le attività di cui al comma 1 siano consentiti e alle condizioni previste per le singole zone”.  
Non essendoci al momento indicazioni diverse da quelle indicate nel decreto riaperture, che indicava la possibilità di svolgere convegni e congressi anche nelle zone gialle dal primo luglio, si deduce che il green pass è obbligatorio per convegni, congressi ed eventi nelle zone bianche e nelle zone gialle.

Mascherine
    
Articolo 16, comma 1, del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2020, n. 27, il cui uso è disciplinato dall’articolo 5-bis del medesimo decreto-legge, definisce chiaramente che le mascherine chirurgiche o DPI per la protezione delle vie respiratorie con caratteristiche superiori (FFP2 e FFP3) devono essere utilizzati in tutti i casi di condivisione di un luogo chiuso.
Quindi all’interno delle aree destinate alla Reunion, come negli  altri ambienti comuni, è sempre obbligatorio utilizzare la mascherina e rispettare la distanza interpersonale (almeno un metro tra una persona ed un’altra).

Reception

Sono vietati gli assembramenti al banco della Reception. Si dovranno rispettare le indicazioni date dai membri della sicurezza e dovrà altresì essere rispettata la distanza interpersonale.

Sedie in sala e altri ambienti

• Sarà assegnato un posto fisso numerato ad ogni partecipante, da utilizzare per tutta la durata dell’evento.  
• Gli ambienti saranno arieggiati ed igienizzati durante gli intervalli tra le sessioni di lavoro    
• Occorre limitare l’utilizzo dei bagni nell’area congressuale, è consentito l’accesso di una persona per volta.
• Occorre evitare l’uso di appendiabiti. Non è consentito portare giacche o soprabiti che andranno lasciati nelle camere in albergo.

Sessione autografi e foto

Per la sessione autografi e foto sono previste numerose misure di sicurezza:
• Parete in plexiglass su tavola degli autografi.
• Parete in plexiglass nell'area foto. Questa parete sarà posizionata tra l'Ospite e i partecipanti per mantenere il distanziamento.  
• Segnaletica a pavimento distanziamento sociale nelle file di coda.
• Abbondanza di gel igienizzante per le mani sui tavoli degli autografi e in ogni spazio in cui l'Ospite dovrà apparire.

Accesso al Ristorante    

Occorrerà rispettare la distanza interpersonale quando si è in fila per entrare, anche nel ristorante vige l’obbligo della mascherina, tranne quando si è seduti al tavolo.
Prima colazione con servizio a buffet assistito, gli alimenti saranno serviti direttamente da camerieri posizionati dietro al tavolo di esposizione dotato di paretine in vetro cristallizzato. Per il pranzo e la cena ogni pietanza sarà servita al tavolo.

Cibo e bevande sui divanetti

In virtù delle restrizioni sopracitate non sarà purtroppo possibile consumare o scambiare cibo portato da casa sui divanetti né di giorno né di notte.

Per quanto riguarda tutti gli altri protocolli di sicurezza dell’Hotel Mediterraneo vi rimandiamo alla loro pagina web


L'organizzazione si riserva di aggiornare quanto sopra in base a variazioni delle disposizioni del governo.
Per qualsiasi informazione scrivete a: info@ultimoavamposto.com
Torna ai contenuti | Torna al menu