Set 08 2011

45 anni fa cominciava la saga di Star Trek: ecco come

L'equipaggio della Serie Classica“Una carovana nello spazio”. Così venne descritto Star Trek ai dirigenti televisivi per spiegare loro l’atmosfera di esplorazione e cameratismo che la serie avrebbe mostrato agli spettatori. Sono passati quarantacinque anni dal giorno della messa in onda del primo episodio di Star Trek, ma quell’8 settembre 1966 non sembra appartenere al passato.
Star Trek è vivo e attuale oggi come allora, con la sua filosofia, le sue “morali della favola”, i suoi immortali personaggi e le sue variegate storie, allegorie del presente che davano speranza nel futuro. Le immortali icone che ci ha presentato in questi decenni fanno ormai parte dell’immaginario collettivo, e se l’Enterprise e il teletrasporto appartengono ancora all’immaginazione futura, il comunicatore è diventato parte della nostra realtà quotidiana così come moltissimi altri “gadget” inventati all’epoca.
Come tutti sappiamo, la Serie Classica di Star Trek ha vissuto per sole tre stagioni, lottando con ascolti che non ne facevano certo un successo… Eppure oggi è fresca e vitale come allora, quasi impermeabile ai segni del tempo, pietra di paragone e colonna imprescindibile di ciò che oggi chiamiamo fantascienza.
Buon compleanno, dunque, a Star Trek, e l’augurio che possiamo fare non è altro che la frase forse più conosciuta dell’intera sua mitologia: “Lunga Vita e Prosperità!”

Copertina di "La creazione di Star Trek"E come regalo di compleanno a tutti gli appassionati abbiamo pensato di tornare indietro nel tempo, a quei primi momenti della produzione, quando ancora nessuno poteva immaginare che la serie TV che si stavano accingendo a mandare in onda sarebbe durata 45 anni! Vi proponiamo un capitolo del famoso libro “La creazione di Star Trek”, scritto dal creatore della saga in persona, Gene Roddenberry, insieme al giornalista Stephen E. Whitfield. Siamo nel 1966, dopo che il primo episodio pilota (con Jeffrey Hunter nei panni di Pike) era stato rifiutato, mentre il secondo episodio pilota con William Shatner e il suo capitano Kirk era stato accettato. Il via alla serie regolare era stato appena dato e l’avventura della produzione cominciava sul serio. In queste pagine troverete il resoconto dei piccoli e grandi problemi che Roddenberry e i suoi collaboratori affrontarono: dallo spostamento dei set al nome dei Vulcaniani, dal budget ridottissimo ai suggerimenti di Shatner.

E se l’argomento vi stuzzica, potrete ampliarlo immergendovi nelle oltre 300 pagine di storia della saga procurandovi “La creazione di Star Trek”, disponibile – in occasione di questo 45° anniversario – a 7,50 euro visitando il negozio Ultimo Avamposto di Bologna.

 

[important]CLICCA QUI PER LEGGERE UN CAPITOLO DE “LA CREAZIONE DI STAR TREK”![/important]

 

Set 02 2011

Chiusa in anticipo la mostra tedesca di Star Trek

La mostra tedesca di Star TrekInaugurata a Babelsberg il 1° maggio scorso con l’intento di rimanere aperta fino al 31 ottobre 2011, la mostra di Star Trek ha chiuso anticipatamente il 15 agosto scorso. La segnalazione ci è arrivata da Stefano Saldarelli, che in una nota su Facebook racconta la sua disavventura tedesca. Giunto in loco, infatti, si è trovato un cartello (esclusivamente in tedesco) che diceva:

Cara visitatrice, caro visitatore, la MOSTRA DI STAR TREK si è conclusa il 14 agosto. La mostra, che esponeva materiale originale degli ultimi 45 anni di Star Trek e dell’ultimo film, poteva essere visitata dal 1° maggio al 14 agosto nella sala Caligari del parco Babelsberg. A causa di differenze inconciliabili con i nostri partner contrattuali la mostra è stata terminata anticipatamente. I biglietti di ingresso alla mostra già acquistati in prevendita per visite dopo il 14 agosto possono essere restituiti alla cassa della prevendita direttamente il giorno stesso della visita oppure permutati, senza alcun costo supplementare, in un biglietto di ingresso al parco Babelberg.”

Stefano commenta così il momento in cui si è ritrovato di fronte il cartello:

Immaginatevi due fan di Star Trek che in pieno agosto partono da Prato per Babelsberg (vicino Berlino) per andare a visitare la mostra su Star Trek… Ecco… immaginatevi, dopo il viaggio, le spese, la camminata di quasi 2 km dalla stazione della “ridente cittadina” sopra citata al parco Film Park (dove ci doveva essere la mostra) di arrivare a destinazione e trovare la mostra ANNULLATA! Addirittura 2 mesi e mezzo prima della data prevista (31 Ottobre). Ecco, quelli siamo io e la mia compagna… [Il cartello] è stato il “benvenuto” che abbiamo trovato all’ingresso del FilmPark di Babelsberg. Solo in tedesco. Rigorosamente in tedesco. All’ufficio informazioni del parco c’era una signora sulla settantina che parlava SOLO tedesco! Si è limitata a farci capire a cenni quello che già avevamo ampiamente compreso arrivando all’ingresso del parco. Mostra finish! Il bello è che sul sito web del parco fino a qualche giorno fa era tutto regolare. Fatto è che la mia compagna ed io prima di partire per Berlino abbiamo controllato tutto (ovviamente). La prenotazione del volo e dell’albergo l’abbiamo fatta il 6 agosto e la mostra è stata annullata il 14!

Il cartello di chiusura della mostra

Il cartello che attendeva gli ignari visitatori della Mostra di Star Trek a Babelsberg

Chi avesse intenzione di visitare la mostra, quindi, è avvertito!

 

Set 01 2011

Star Trek Online gratis!

Star Trek OnlineApriamo una nuova categoria dedicata al mondo di Star Trek Online, il gioco Massive Multiplayer Online dedicato alla serie creata da Gene Roddenberry, con una notizia decisamente dirompente… Non si tratta più solo di “rumors”: dopo la cessione di Cryptic Studios da Atari a Perfect World Entertainment, effettuata attorno a marzo ma perfezionatasi solo a metà agosto, la voce che Star Trek Online sarebbe diventato un gioco gratuito – adottando la sempre più comune formula del “silver/gold” account con la possibilità di giocare senza pagare con limitazioni che vengono meno se si paga l’iscrizione – circolava insistentemente, visto che la nuova proprietà è specializzata in questo tipo di MMO…
Finalmente le notizie cominciano a farsi definitive a seguito del recupero dell’informazione, da parte di un utente del forum ufficiale di Star Trek Online, della trascrizione di una conference call tenuta da PWE relativamente alla situazione e ai piani operativi del terzo e quarto trimestre 2011. Da quanto riportato, PWE – evidentemente d’accordo con Cryptic – punta a lanciare il gioco come Free-to-play entro la fine dell’anno.
In queste ore, sul forum ufficiale del gioco, si rincorrono voci e notizie, e gli sviluppatori – che fino ad oggi non hanno ancora potuto smentire o confermare nulla a causa di decisioni delle dirigenze coinvolte ed in attesa di predisporre adeguata copertura stampa – hanno annunciato maggiori informazioni per i prossimi giorni, di fatto confermando la notizia che viene da fonte più che autorevole.
Vi terremo informati, quindi non perdete i prossimi aggiornamenti!

 

Ago 23 2011

Gli Hotel della Reunion VII 2011

Logo Reunion VII 2011Il Comitato Organizzatore della Reunion VII, che si terrà dal 25 al 27 novembre 2011 a Montecatini Terme, invia questa comunicazione agli interessati:

“In seguito a modifiche negli accordi con l’Hotel-Centro Congressi Vittoria che ospiterà la settima edizione della REUNION, vi informiamo che i prezzi di pernottamento e relativi pacchetti subiranno degli aumenti quando saranno esaurite le stanze all’Hotel Vittoria. Vi invitiamo quindi a prenotare il prima possibile per evitare di pagare i sovrapprezzi previsti.”

La scheda di iscrizione è scaricabile dal sito della Reunion.

 

Ago 21 2011

Inside Star Trek Magazine 153

Inside Star Trek Magazine 153Il nuovo numero di Inside Star Trek Magazine è stato mandato in stampa ed entro pochi giorni sarà spedito agli iscritti! Tra gli articoli di spicco segnaliamo le interviste a LeVar Burton (Geordi in TNG) e Chase Masterson (Leeta in DS9), entrambi intervenuti alla STICCON XXV. Alla stessa STICCON è anche dedicato uno speciale che riassume tutte le attività che hanno costellato l’edizione del venticinquennale. Continua inoltre la serie di articoli dedicati ai personaggi storici apparsi in Star Trek e questa volta si parla del nostro Leonardo da Vinci! Qui sotto potete vedere il video che mostra alcuni dei contenuti e più sotto potete sfogliare alcune pagine in anteprima!

 

[important]CLICCA QUI PER SFOGLIARE IN ANTEPRIMA ALCUNE PAGINE DEL NUMERO 153[/important]

 

Ago 20 2011

Le papere di Star Trek

Kirk, McCoy e Spock sul setL’estate sta finendo… ma solo adesso la calura si fa davvero sentire. E per distrarci dall’afa, che ne dite di fare quattro risate con Star Trek? Qui sotto trovate il link per sfogliare due articoli “d’epoca” tratti dai numeri 112 e 118 di Inside Star Trek Magazine in cui ci siamo divertiti a raccogliere gli errori e le sviste più evidenti degli episodi della saga. Simboli che spariscono, vestiti che mutano in un batter d’occhio, scritte incoerenti da una scena alla successiva… nulla sfugge all’occhio di lince di un appassionato. E se volete mandarci le vostre segnalazioni… potremo fare una terza puntata in uno dei prossimi numeri della rivista!

[important]CLICCA QUI PER SFOGLIARE ON-LINE GLI ARTICOLI SULLE PAPERE DI STAR TREK[/important]

Ago 13 2011

Anteprima Inside Star Trek Magazine 153 – La copertina

Copertina Inside Star Trek Magazine 153Ecco la copertina del nuovo numero della rivista ufficiale italiana di Star Trek! Nei prossimi giorni andrà in stampa e vi daremo ulteriori dettagli sui contenuti.

 

Ago 06 2011

STIC a RiminiComix 2011 intervista Sergio Bonelli

Dal 22 al 24 luglio scorso lo STIC ha partecipato con un proprio spazio alla 15a manifestazione Riminicomix, la mostra mercato del fumetto tenuta nell’ambito della 27a edizione di Cartoon Club. Tra i tantissimi partecipanti molti si sono fermati a fare quattro chiacchiere sulle ultime novità relative al mondo di Star Trek. Approfittando dell’occasione fornita dalla mostra lo STIC ha incontrato Sergio Bonelli, famosissimo autore ed editore di fumetti, per parlare del suo rapporto con la fantascienza e di quella volta, tanti anni fa, in cui Tex Willer ha incontrato un alieno! Scoprite tutti i dettagli della storia nel video qui sotto!

Ago 01 2011

Nuovi fumetti di Star Trek in USA

Nelle ultime settimane la IDW, la casa editrice che negli ultimi anni ha acquisito i diritti di pubblicazione relativi all’universo di Star Trek, ha annunciato l’uscita (in USA) di un crossover e – novità! – di una serie regolare dedicata alle avventure dell’equipaggio del nuovo film! La novità sta nel fatto che finora le uscite della IDW erano in forma di miniserie e non di serie “ongoing” (cioè continuative). Ma ecco i dettagli dei due titoli:

Star Trek (collana regolare)  – Le avventure dell’astronave Enterprise continuano in questa nuova serie che parte da dove eravamo rimasti alla fine del blockbuster cinematografico del 2009. Con i volti del nuovo cast del film, queste missioni reimmaginano le storie della serie originale nella linea temporale alternativa creata dal film, con nuove minacce e personaggi mai visti prima. Con la direzione creativa dello scrittore/produttore Roberto Orci, questa nuova serie farà da conto alla rovescia per l’attesissimo sequel del 2012 (o 2013!). Nel primo numero in uscita a settembre 2011 verrà ripercorsa l’avventura vista in TV nell’episodio “Oltre la galassia”. Il primo numero, scritto da Mike Johnson e disegnato da Stephen Molnar, avrà una copertina disegnata da Tim Bradstreet e David Messina ma, come da tradizione per il mercato del collezionismo, sono previste anche quattro copertine fotografiche più una firmata da Orci e Johnson. Sono in via di definizione anche le modalità di una promozione legata al primo albo. La storia con Gary Mitchell continuerà anche nel secondo numero.

Star Trek, serie regolare, n.1- Copertina fotografica

Star Trek, serie regolare, n.1- Copertina fotografica

Star Trek, serie regolare, n.2 - Copertina fotografica

Star Trek, serie regolare, n.2 - Copertina fotografica

 

 

 

 

 

 

 

 

Crossover Star Trek/Legion of Super-Heroes (miniserie) – La IDW e la DC Comics presentano ad ottobre 2011 una miniserie crossover di sei numeri, scritta da Chris Roberson e disegnata da Jeffrey e Philip Moy. Tutte le copertine saranno disegnate da Phil Jimenez ma sono previste anche delle varianti per i collezionisti disegnate dagli artisti di Legion of Super-Heroes quali Keith Giffen, Steve Lightle e Mike Grell a cui si aggiungono il pilastro della IDW, nominato quale miglior artista al premio Eisner, Gabriel Rodriguez (Locke & Key) e altri. In questa miniserie vedremo l’equipaggio della serie classica teletrasportarsi su un pianeta solo per scoprire che questo non è la destinazione prefissata, e forse nemmeno l’universo giusto. Allo stesso tempo, un gruppo di Legionari a bordo di una sfera temporale finisce nel 23° secolo, ma non in quello da loro conosciuto. STAR TREK/LEGION OF SUPERHEROES è un’avventura che abbraccia le galassie e raggruppa entrambi i team per affrontare una minaccia che include i Khund, i Klingon, i Borg e altri pericoli che non sono ciò che sembrano essere. I Pianeti Uniti di un universo e la Federazione dei Pianeti Uniti dell’altro sono ora i Pianeti Imperiali di Terra, un impero oscuro dedito a guerre e conquiste… e siamo solo all’inizio.

Star Trek/Legion of Super-Heroes, n.1 - Copertina A

Star Trek/Legion of Super-Heroes, n.1 - Copertina A

Star Trek/Legion of Super-Heroes, n.1 - Copertina B

Star Trek/Legion of Super-Heroes, n.1 - Copertina B

Star Trek/Legion of Super-Heroes, n.1 - Copertina C

Star Trek/Legion of Super-Heroes, n.1 - Copertina C

 

 

 

 

 

 

 

 


Lug 30 2011

Anteprima Inside Star Trek Magazine 153 – LeVar Burton

È in lavorazione il nuovo numero della rivista ufficiale italiana, dove ci sarà, tra le altre cose, un’intervista esclusiva a LeVar Burton (Geordi La Forge in TNG) ospite della STICCON. Attore, regista, presentatore, amico di tutti ma senza peli sulla lingua, LeVar ha parlato di paralleli culturali, bambini e della sua esperienza di fronte e dietro la cinepresa. L’artista è stato entusiasta del suo soggiorno italiano e non ha lesinato in complimenti. Ecco un estratto in anteprima dell’intervista che verrà pubblicata nell’ISTM 153…

Hai interpretato un ruolo in quella che forse è la serie più famosa e amata di Star Trek, The Next Generation, che ha creato degli standard molto alti. Ma hai anche lavorato alle altre serie nuove di Star Trek come regista. Puoi raccontarci delle differenze che hai trovato, o le cose che erano uguali…

Beh… Io sono un grandissimo appassionato della Serie Classica, la prima serie di Star Trek. Quando ero un ragazzo leggevo moltissimi libri di fantascienza. Per me la letteratura di fantascienza è unica perché funziona sulla base della più potente combinazione di due parole che esista nel linguaggio: e se… Quando ero ragazzo era rarissimo poter leggere su quelle pagine di eroi che assomigliavano a me. Per questo la visione di Gene Roddenberry era davvero importante. Vedere Nichelle Nichols sul ponte di comando dell’originale Enterprise era un evento enorme per me. Diceva: “nel futuro c’è un posto anche per te”. Quindi crescere ed entrare a far parte di quella famiglia… non riuscirei a descrivere la gioia che mi ha dato. Non ho mai lavorato nella serie Classica, ma sono diventato amico di alcuni dei protagonisti. Nichelle è una mia carissima amica e nel corso degli anni anche con Bill Shatner siamo diventati amici. E… non so… è…

Hai incontrato i tuoi eroi!

Esatto! Come posso dire… avere la possibilità di dire: “Il capitano Kirk è mio amico!” Capisci cosa intendo? Non l’avrei mai potuto immaginare. Quando abbiamo girato l’episodio “Il naufrago del tempo” di The Next Generation… fare un episodio con Jimmy Doohan è stato… tutti i giorni dovevo darmi un pizzicotto perché sono un enorme fan di Star Trek. Credo realmente negli ideali di Star Trek. Mentre diventavo grande volevo vivere in un mondo dove erano stati risolti tutti i problemi di razza e classe, ed economici, e voglio ancora vivere in un mondo come quello. Ti dico in cosa credo: quello su cui focalizziamo la nostra attenzione come esseri umani è ciò che riveliamo. Credo in un bimbo o una bimba che guardavano gli episodi originali di Star Trek e vedevano sempre il capitano Kirk che tirava fuori il suo comunicatore e diceva: “Scotty, mi teletrasporti”. Quel bimbo è diventato uno scienziato, forse un ingegnere, un progettista, ed è il responsabile di una tecnologia che oggi è più comune di un tostapane: tutti hanno usato o hanno visto qualcuno usare un telefono cellulare. Capisci quello che intendo? Ciò su cui ci focalizziamo è ciò che poi manifestiamo, è così che siamo fatti. Credo che a modo suo Star Trek ci stia davvero aiutando a creare quel futuro, e questa è una delle cose che adoro della saga, il fatto che sia una visione positiva dell’esperienza futura degli esseri umani.

LeVar, cosa pensi della STICCON, al confronto delle convention degli Stati Uniti o a quelle di altri paesi a cui hai partecipato?

Lasciami dire una cosa… Ci sono due tipi di convention di cui ho avuto esperienza. Ci sono le grandi convention negli Stati Uniti e ci sono le convention organizzate dai fan. Ho sempre preferito queste ultime, ma di tutte le convention fatte dai fan alle quali ho partecipato questa qui è notevole. Prima di tutto è il vostro venticinquesimo anniversario! E già questa è una cosa insolita. La vostra sembra davvero una grande famiglia, perché siete insieme tutti gli anni da tantissimo tempo… Siete cresciuti insieme. Le sensazioni che ho a questa convention non le ho mai provate prima. È davvero straordinaria. Inoltre non sono mai stato a una convention dove tutto quanto si ferma per il pranzo e di nuovo per la cena. È una cosa molto civile. Molto italiana, ma molto civile. È grandiosa! L’adoro! E ci sono famiglie. È chiaro che ci sono forti relazioni di lunga data tra le persone. Insomma… diciamolo… esiste una grande famiglia di Star Trek, e all’interno della famiglia ci sono questi gruppi. E il gruppo italiano, penso, è uno dei più appassionati. Sono stato di sotto, alla Borg Experience, la Kobayashi Maru… in quell’allestimento è stata messa moltissima passione, moltissimo amore, non ho mai visto niente del genere. È davvero straordinario, notevolissimo.

Per saperne di più su questo ospite e artista straordinario non perdete il prossimo numero di Inside Star Trek Magazine, dove troverete tantissimi altri articoli dedicati al nostro universo preferito!