Gen 08 2013

Un ultimo saluto degno di un Ammiraglio

4 gennaio 2013

San Michele al Tagliamento (VE)

 

Sin dalle prime ore del mattino il giardino della residenza di Alberto e Gabriella è  pieno di persone che arrivano da tutta Italia e dall’estero per rendere omaggio all’amico scomparso.

In molti portano sotto i giubbotti la divisa che Gabriella ha chiesto loro di indossare senza alcuna preoccupazione, dato che oggi è il giorno dell’ultimo saluto ad Alberto Lisiero, presidente dello Star Trek Italian Club, per gli amici l’Ammiraglio.

Il corteo di auto dirette alla chiesa di San Michele Arcangelo viene scortato dai vigili che bloccano il traffico per lasciare passare il fiume di mezzi.

La chiesa è piena e c’è qualcuno in piedi.

La chiesa straripante di amici di Alberto

La cerimonia è celebrata da un prete amico della coppia e al termine della messa, la moglie di Alberto, Gabriella, pronuncia alcune parole:

Grazie per essere qui. So che moltissimi di voi hanno fatto milioni… migliaia di chilometri per essere qui e non sapete quello che significa per me. Per noi. In realtà forse lo sapete, perché siete la nostra famiglia, siete i figli che non abbiamo mai avuto… una famiglia in cui non ha assolutamente nessuna importanza se abbiamo tutti cognomi diversi. Alberto ha cambiato la vita a molti di voi. Non ha cambiato la mia, lui era la mia vita. Una parte di me muore con lui oggi ma l’altra parte dovrà cercare di l’allegria, la giovialità e il sorriso che lui ha sempre avuto. Forse pochissimi tra voi hanno visto Alberto veramente arrabbiato. Io l’ho visto due volte sole in 26 anni che ci conoscevamo. Ci siamo conosciuti il 14 giugno dell’86, molti di voi lo sanno, gli altri lo possono leggere sull’Inside 14 a pagina 6… numeri ricorrenti. Il basco con cui ci siamo conosciuti è insieme a lui adesso e insieme a lui c’è anche un pupazzetto di Capitan America, che era il suo eroe di bambino. Come Cap, Alberto era un buono. Troppo buono, diceva qualcuno, ma non si è mai troppo buoni quando si cerca di… quando lui metteva insieme le persone che litigavano per cercare di far capire all’uno le ragioni dell’altro. Quando si ergeva a negoziatore delle dispute tra amici e non era contento finché questi due amici non si stringevano di nuovo la mano e si davano di nuovo la parola. Vi chiedo una cosa per onorarlo, l’unica cosa che vi posso chiedere. La prossima volta che litigherete e avrete a ridire con qualcuno, perché nessuno di noi è Alberto, pensate a cosa Alberto avrebbe fatto, a quello che lui cercava di fare, perché prima di reagire lui cercava di comprendere. Questo sarà l’unico modo per cui questa morte non sia una morte ma solo lo stadio in cui si vive nelle memorie degli altri e nell’esistenza cosmica.

Subito dopo, Patrizia ha aggiunto alcune sentite parole di saluto a nome dei soci STIC:

Si dice che il valore di una persona si misuri anche dal numero di persone che interviene al suo funerale. Quello di oggi, si può paragonare a un funerale di stato, con la grande differenza che nessuno qui è intervenuto per dovere. Se siamo qui oggi, se abbiamo fatto di tutto per esserci nonostante gli impegni delle nostre vite, è per rendere omaggio a un grande uomo buono, come qualcuno lo ha definito. Vogliamo essere uniti in questo ultimo saluto al nostro “Ammiraglio” come una grande famiglia, quella che ha creato insieme a Gabriella. Alberto ha fatto la differenza, siamo tutti noi la sua differenza e se siamo le persone che siamo è anche grazie a lui. Ora Alberto non è più con noi ma guardandovi, vedendo quanti siamo oggi a salutarlo, di sicuro non ci ha lasciato da soli. È stato un onore essere tuoi amici.

Dopo un’ultima foto di gruppo con Alberto, il fiume di auto ha ripreso il suo percorso verso il cimitero di San Michele dove ora l’Ammiraglio riposa.

Un ultimo tributo dalla famiglia che Alberto ha creato è stato il ritrovarsi in pizzeria, come fosse una convention, per scambiarsi i ricordi su quell’uomo che ha reso realtà un sogno.

Foto di Tino Barletta

Articoli correlati

  1. Ciao Alberto

6 comments

Vai al modulo dei commenti

    • alessandro on 8 gennaio 2013 at 13:40
    • Rispondi

    Ora sei l’Ambasciatore di tutti noi, l’Emissario che porta i nostri colori tra i pianeti, regni che avranno conoscenza del credo che abbiamo sempre onorato. Porta con Te la bandiera dei Pianeti Uniti in segno di fratellanza e intelligenza. A presto Ammiraglio
    Tenente J.G. 8331-A

    • Franco Piccinini on 15 gennaio 2013 at 18:42
    • Rispondi

    Scusate se mi intrometto.
    Apprendo solo ora della scomparsa di Alberto Lisiero.
    Appassionato da sempre di Star Trek (ci ho da poco scritto un saggio, imperniato sui medici delle varie serie) seguivo il vostro sito e dunque conoscevo l’Ammiraglio, anche se non ero formalmente iscritto al Club.
    Sono stato a Bellaria per la prima volta nel 2012 ed ho verificato di persona la grande qualità degli aderenti allo STIC.
    Alberto Lisiero era un grande e mi mancherà, anche se il suo lavoro, ne sono certo, proseguirà. In questo modo, in un certo senso, continuerà a vivere.
    Apprendo ora anche della scomparsa di Riccardo Valla, un grande della fantascienza italiana, scomparso anche lui all’improvviso. Spero che tutti e due siano in volo nello spazio e che proseguano il viaggio per sempre.

    • roberto corradini on 25 gennaio 2013 at 23:42
    • Rispondi

    Io non conoscevo Alberto personalmente, ma sono certo, essendo un grande fan di star trek, che era sicuramente un uomo dalle qualità umane fuori dal comune; non si potrebbe amare star trek al punto che lo amava lui senza avere grandi qualità e senza condividerne gli altissimi valori.
    Per cui sono certo che l’umanità con la sua morte a subitò una perdita rilevante e per questo esprimo le mie sincerissime condoglianze a chi poteva godere della sua compagnia da vicino e ne sentira veramente la mancanza.

    • Roberto Contucci on 29 gennaio 2013 at 15:09
    • Rispondi

    solo oggi vengo a conoscenza della notizia che mi ha rattristato,
    sono socio dello STIC dal 1995 ma non conoscevo Alberto di persona ,
    anche se abbiamo condiviso la passione che unisce tutti noi ,
    mi spiace tantissimo ,
    ma mi piace pensare che ha raggiunto i grandi Bones e Scotty ,

    ciao Alberto

    • Alessandro on 2 gennaio 2014 at 10:59
    • Rispondi

    Ciao Ammiraglio, qui è passato un anno, ma sono sicuro che stai discutendo con Q e Gene davanti a un bel bombolone….

    • michela on 2 gennaio 2014 at 18:02
    • Rispondi

    Sicuro! Bombolone alla crema, mentre giocano a poker insieme ai profeti. Mi manchi Alberto!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*