Ott 20 2013

Roger Guyett e John Knoll intervistati per voi a View Conference

Si è conclusa da soli due giorni View Conference, la manifestazione torinese dedicata a tutto ciò che è digitale (computer grafica, tecniche interattive, cinema digitale, animazione 2D/3D, videogiochi, effetti visivi) dove abbiamo incontrato per voi due dei più famosi artisti del “dietro le quinte” di Star Trek.

 

Roger Guyett e John Knoll a View Conference 2013

 

Era la seconda volta che incontravamo Roger Guyett, tornato a View dopo il 2009 (potete leggere di quell’incontro nell’ISTM 144 e vedere il video qui), e anche questa volta il supervisore agli effetti speciali e regista della seconda unità ha parlato dell’ultima sua fatica in Star Trek, svelando la verità sui lens flares di Into Darkness e condividendo le sue speranze per il prossimo terzo capitolo firmato Bad Robot.
Guyett ha intrattenuto il pubblico raccontando la realizzazione di alcune delle scene più spettacolari del film, e di quali sfide siano state affrontate per rendere credibili mondi alieni inesistenti e astronavi di pura fantasia.

 

Per John Knoll, invece, è stata una prima volta. Il nuovo “chief creative officer” della Industrial Light & Magic era a Torino per parlare di Pacific Rim, ma il nostro interesse era invece per la persona che nel mondo di Star Trek ha inventato l’effetto visivo con cui l’Enterprise D di The Next Generation entra in curvatura, oltre ad aver curato la supervisione degli effetti visivi di Generazioni e Primo Contatto.
Chi lavora nel settore della grafica, inoltre, conosce Knoll per essere l’inventore (insieme a suo fratello Thomas) del programma di grafica al computer Photoshop e del generatore di lens flares che porta il suo nome.

 

Della nostra avventura torinese a View troverete un ampio resoconto nell’Inside Star Trek Magazine 167 di novembre, sulle cui pagine verranno pubblicate le interviste complete a Guyett e Knoll.

 

 

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*