Uno schiocco di dita e arriva Q: John de Lancie alla StarCon 2018

Ancora un graditissimo ritorno alla StarCon 2018 grazie alla presenza di John de Lancie, un attore che con la sua simpatia ci ha conquistato.

John de Lancie (Filadelfia, 20 marzo 1948) è un attore statunitense.
Dopo aver superato alcune difficoltà scolastiche dovute alla sua dislessia, ha frequentato la Kent State University vincendo una borsa di studio per la Juilliard Drama School.
Ha lavorato come attore di teatro con l’American Shakespeare Festival e la Seattle Repertory Company ed è apparso in numerosi film (La leggenda del re pescatore; Salvate il soldato Ryan) e serie televisive (Uccelli di rovo; Il tempo della nostra vita; L’uomo da sei milioni di dollari; Senza traccia).
Conosciuto dal grande pubblico soprattutto per avere interpretato il personaggio di Q in dieci differenti stagioni delle serie di Star Trek (Star Trek: The Next Generation, Star Trek: Voyager e Star Trek: Deep Space Nine). Gran parte dell’enorme successo del personaggio ricorrente di Q è sicuramente da attribuirsi al carisma e alla bravura dell’attore._

Nel 1996 crea Alien Voices con Leonard Nimoy e lo scrittore produttore Nat Segaloff con i quali produce remake audio di classici della fantascienza. Moltissime le apparizioni in teatro, tra cui Resurrection Blues di Arthur Miller (nel ruolo del Generale Felix Barriaux), A Naked Girl on the Apian Way e The Great Tennessee Monkey Trial.
Ha recitato al fianco del suo grande amico Richard Dean Anderson in MacGyver (1985), Stargate SG-1 (1997) e Legend (1995). In Stargate SG-1, de Lancie interpreta un personaggio ricorrente, il colonnello Frank Simmons.
De Lancie ha anche recitato in Ai confini della realtà, The Closer, Streghe, N.Y.P.D., Giudice Amy, Andromeda, Crossing Jordan, The West Wing – Tutti gli uomini del presidente, Oltre i limiti, Il tocco di un angelo, Matlock, Avvocati a Los Angeles, La signora in giallo e moltissime altre serie.
Di recente ha lavorato in quattro episodi dell’acclamatissima serie TV Breaking Bad e in tre episodi di Torchwood: Miracle Day (quarta stagione dello spin-off di Doctor Who).

De Lancie attualmente lavora molto anche come doppiatore di videogiochi, tra cui ricordiamo Star Trek: Borg, Star Trek: The Game Show, Assassin’s Creed: Revelations e Assassin’s Creed III._ E’ molto apprezzato anche per il suo doppiaggio del personaggio di Discord nella serie TV a cartoni animati My Little Pony: L’amicizia è magica. Lo show negli Stati Uniti è diventato un vero e proprio fenomeno, con numerosi fan anche tra gli adulti. I fan della serie si fanno chiamare brony, e John de Lancie è stato produttore esecutivo di un documentario sul fenomeno intitolato Bronies: The Extremely Unexpected Adult Fans of My Little Pony (precentemente BronyCon: The Documentary).

Sposato con l’attrice Marnie Mosiman (Harmony nell’episodio Rumoroso come un sussurro di Star Trek: The Next Generation), de Lancie ha due figli, Keegan (interprete tra l’altro proprio del figlio di Q in Q2) e Owen.

Per partecipare alla StarCon 2018 consultate il sito.

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*