Feb 16 2017

Anthony Daniels festeggia il quarantennale di Guerre Stellari alla StarCon

Se lo scorso anno sono stati festeggiati i cinquant’anni di Star Trek alla StarCon con William Shatner, per i quarant’anni di Guerre Stellari (o Star Wars, se volete), arriva l’unico attore ad aver lavorato in tutte le pellicole finora prodotte legate alla saga ideata da George Lucas, Anthony Daniels, l’uomo che veste i panni dorati di D-3BO (o C-3PO se preferite il nome originale del droide protocollare).

Loc_Starcon_2017_rgb_AD

 

Anthony Daniels, nato a Salisbury (Inghilterra) il 21 febbraio 1946, è l’attore famoso principalmente per il ruolo del droide protocollare dorato C-3PO in Star Wars. È l’unico attore a essere apparso in tutti gli otto film della Saga Stellare, compreso l’ultimo Rogue One. Ogni apparizione del droide, che sia stata filmata dal vivo o realizzata a cartoni animati o al computer ha avuto la sua inconfondibile voce. Lavora anche come doppiatore: è stata tra l’altro la voce dell’Elfo Legolas nel cartone del Signore degli Anelli di Ralph Bakshi (1978). Ha recitato nella serie televisiva Lucasfilm “Le avventure del giovane Indiana Jones”. Molto appassionato e carismatico, collabora dal primo momento con la Lucasfilm nella promozione e nelle varie produzioni starwarsiane.
Characters2017_DanielsC-3PO (o 3PO) è il droide protocollare più amato e sopportato della Galassia. Proviene dal pianeta sabbioso Tatooine, dove è stato assemblato dal giovane Anakin Skywalker a partire da pezzi gettati via. Pavido e sussiegoso, conosce più di sei milioni di forme di comunicazione ed è dotato di un tipico umorismo inglese. Amico inseparabile dell’impavido droide astromeccanico R2-D2 (C1-P8 per i nostalgici); con lui è testimone attivo degli eventi di Star Wars (anche se la memoria dei fatti narrati nei film da episodio I a episodio III gli è stata suo malgrado cancellata dal Principe di Alderaan Bail Organa, padre adottivo della Principessa Leia).

 

 

Feb 11 2017

Ancora un Dottore alla StarCon

Il Comitato Organizzatore ha rivelato il nome del primo ospite della StarCon 2017, che ricordiamo si svolgerà dal 25 al 28 maggio 2017 nella nuova fantastica cornice del Centro Congressi del Grand Hotel Excelsior di Chianciano Terme.

Si tratta di Colin Baker (Londra, 8 giugno 1943), interprete del sesto Dottore nella famosa serie britannica Doctor Who. Di seguito alcune note biografiche.

Characters2017_Baker

Baker studia per diventare avvocato, ma all’età di 23 anni abbandona gli studi per inseguire il proprio sogno di diventare attore ed entra nella London Academy of Music and Dramatic Art. Uno dei suoi primi lavori come attore arriva nel 1970, nell’adattamento della BBC della trilogia di Jean-Paul Sartre The Roads to Freedom. Nel 1972, sempre per la BBC, interpreta Anatole Kuragin nell’adattamento di Guerra e Pace. E ancora la BBC lo porterà alla fama definitiva con il suo primo ruolo veramente importante, quello del villain Paul Merroney nella serie TV The Brothers, che interpreterà dal 1974 al 1976. Seguono altri numerosi ruoli per la BBC.
Nel 1983, Baker fa la sua prima apparizione in Doctor Who nel ruolo del comandante Maxil nell’episodio “Arc of Infinity” e nel 1984 viene ingaggiato per incarnare il sesto Dottore. Debutta nel ruolo nell’episodio “The Caves of Androzani”, dove pronuncia però solo poche battute. Appare poi come protagonista a partire da “The Twin Dilemma” una settimana dopo. Fu la prima volta sin dal 1966, e la seconda volta nell’intera storia della serie, che un nuovo attore protagonista fu introdotto nel corso di una stagione già iniziata da un altro Dottore.
La sua carriera teatrale è molto ricca, ha recitato infatti in drammi, commedie, pantomime e anche musical tra cui A Pretty Hat, The Other House, Corpse!, la versione musical di Great Expectations, Private Lives, Time And Time Again, Privates On Parade, Born In The Gardens, Spider’s Web, Frankie and Johnny in the Clair de Lune, Death And The Maiden, Why Me ?, She Stoops To Conquer, Kind Hearts And Coronets, House Of Ghosts e The Woman In White.
Per oltre dieci anni inoltre Colin Baker è stato redattore di una rubrica settimanale per il Bucks Free Press. Nel 2009 esce il suo primo libro “Look Who’s Talking”, una raccolta dei suoi articoli migliori, seguito da una seconda raccolta intitolata “Second Toughts” e da una collezione di racconti intitolata “Gallimaufry”.
Colin è tuttora un impegnato critico letterario e un paroliere, il suo musical Scrooge – A Ghost of Chance, scritto insieme alla compositrice Sheila Wilson, è stato portato in scena in centinaia di scuole in tutta la Gran Bretagna.
Colin è sposato con l’attrice Marion Wyatt, con loro, nel Buckinghamshire , vivono anche quattro figlie, due capre, tre gatti, tre cani, due cavalli e tredici maiali della guinea, due degu e un criceto. Lui dice che lo mantengono giovane …e impegnato!

Loc_Starcon_2017_rgb_CB_simple

A breve verrà resa disponibile la scheda per l’iscrizione alla convention ed arriveranno altre comunicazioni di nuovi ospiti sensazionali.

Feb 02 2017

Robert Picardo a Cartoomics 2017

Dal 3 al 5 marzo a Fiera Milano Rho la 24ª edizione della manifestazione milanese Cartoomics. 30.000 metri quadrati di cinema, fumetto, incontri, anteprime, videogames, cosplay e tanto divertimento. Ospite speciale dell’Area Fantascienza: Robert Picardo.

rOBERT pICARDO
Robert Picardo, interprete dei personaggi del Dottore Olografico in Star Trek: Voyager e di Richard Woolsey in Stargate SG1 e Stargate Atlantis, sarà nell’Area Fantascienza di Cartoomics 2017 ospite dello Star Trek Italian Club “Alberto Lisiero” e di Ultimo Avamposto. Firmerà autografi e farà foto con i fan tutti i giorni di fiera dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 18.
Per ulteriori informazioni sui costi andate qui.

2016_Come arrivare_IT_FIERAMILANO RHO

2017_Plani_CART_PAD.16-20

Nelle piantine qui sopra le ubicazioni dei padiglioni di Cartoomics alla Fiera e le collocazioni dei banchi.

Correte a interrogare Massimo Romani sugli ospiti della prossima StarCon di Chianciano Terme. Potreste avere delle piacevolissime sorprese!

 

 

Gen 31 2017

Partono le riprese di Star Trek: Discovery – qualcosa è cambiato.

La scorsa settimana sono ufficialmente iniziate a Toronto, in Canada, le riprese di Star Trek: Discovery, la sesta incarnazione della saga ideata da Gene Roddenberry 50 anni fa. Ne hanno dato annuncio oggi gli CBS Television Studios. La rete televisiva ha rilasciato anche l’immagine di un ciak usato per le prime riprese e il nuovo logo della serie, che abbandona il delta spaccato e dalla superficie irregolare per uno dall’aspetto più uniforme seppure non liscio.

ciak discovery

discovery_new_logo

Ricordiamo che la serie avrà distribuzione attraverso i seguenti canali:

canali trasmissione discovery

È stato annunciato da poco il nuovo posticipo dell’inizio della serie che per ora si colloca a settembre 2017. Per farsi perdonare il ritardo, arrivano le prime immagini in movimento della costruzione del set con tanto di poltrona del capitano grazie ad un video pubblicato sulla pagina facebook dedicata alla serie che potete vedere qui.

Raccogliamo qui di seguito le notizie che in questi mesi si sono susseguite in rete e riguardanti gli interpreti della serie.

Doug Jones sarà il tenente Saru, un ufficiale scientifico della Flotta Stellare appartenente ad una razza aliena mai vista prima.
Michelle Yeoh interpreterà il capitano Georgiou a bordo del vascello della Flotta Stellare Shenzou.
Anthony Rapp vestirà i panni del tenente Stamets, un astromicologo, esperto di funghi e ufficiale scientifico a bordo della nave stellare Discovery.
Chris Obi interpreterà T’Kuvma, il leader klingon il cui scopo sarà quello di riunire le casate della razza guerriera.
Shazad Latif sarà Kol, un ufficiale comandante e protetto di T’Kuvma.
Mary Chieffo sarà L’Rell, il comandante del ponte di battaglia della nave klingon.
Soneqa Martin-Green vestirà i panni di un tenente comandante della nave stellare Discovery, presumibilmente
con l’incarico di Primo Ufficiale (quindi il secondo in comando).
L’attore inglese James Frain apparirà nel ruolo del padre di Spock, Sarek.
Saprete aspettare?

Gen 24 2017

Una nomination all’Oscar per “Star Trek Beyond”

I magnifici trucchi alieni creati per l’ultimo film di Star Trek hanno valso a Joel Harlow e Richard Alonso la nomination ai prossimi Academy Award, che verranno assegnati il 26 febbraio.

Alieni da Oscar!

Alieni da Oscar!

Joel Harlow, insieme a Mindy Hall e Barney Burman, aveva già vinto l’Oscar per il trucco del primo Star Trek ambientato nel Kelvinverso, facendo guadagnare così alla saga il suo primo Oscar.

Joel Harlow, Mindy Hall e Barney Burman con l'Oscar vinto nel 2010

Joel Harlow, Mindy Hall e Barney Burman con l’Oscar vinto nel 2010

Auguriamo in bocca al lupo perché anche questa volta i talentuosi artisti del trucco possano regalare a Star Trek la prestigiosa statuetta!

 

 

Gen 18 2017

Ci sara’ Sarek in “Star Trek: Discovery”.

La CBS ha oggi annunciato che l’attore James Frain interpreterà Sarek, il padre di Spock, in “Star Trek: Discovery”, che inizierà le riprese la settimana prossima a Toronto.
L’attore inglese è noto per aver interpretato Prime Suspect, Elizabeth, Hilary e Jackie, I Tudors, FlashForward, True Blood e Tron Legacy. Recentemente è stato Leet Brannis in Agent Carter, Ferdinand in Orphan Black e Azrael in Gotham.

Il vulcaniano Sarek è apparso per la prima volta, interpretato da Mark Lenard, nell’episodio Viaggio a Babel, della Serie Classica, e successivamente nei film Star Trek III, IV e VI , oltre che negli episodi Sarek e Il segreto di Spock di Star Trek: The Next Generation. Abbiamo conosciuto inoltre una versione giovane del personaggio interpretata brevemente da Jonathan Simpson in Star Trek V, e la versione del “Kelvinverso” di Ben Cross in Star Trek (2009).

Frain

Dic 13 2016

Leonard di William Shatner si aggiudica il Goodreads Choice Awards 2016

Che fosse un bel libro lo si era capito subito sin dalle prime righe. Che fosse dettato col cuore anche. Che meritasse la traduzione italiana lo aveva capito subito anche Massimo Romani che come Ultimo Avamposto Editore ne ha curato in tempo record l’edizione per il Belpaese.

Che arrivasse un premio, era ora!

Superate le varie fasi di votazione, Leonard: My Fifty-Year Friendship with a Remarkable Man, il libro scritto da William Shatner assieme a David Fisher si è aggiudicato con 16.477 voti su 119.035 votanti il premio per la categoria Best History & Biography dei Goodreads Choice Awards 2016.

leonard_goodreads

Goodreads è il più grande sito al mondo per i consigli librari. La missione è quella di aiutare le persone a trovare e condividere i libri che amano. Il sito di Goodreads è stato messo on line nel gennaio 2007.

Per vedere tutti i premi potete andare qui.

Per il libro in edizione italiana, Leonard: cinquant’anni di amicizia con un uomo straordinario, contattate Ultimo Avamposto che sta terminando le copie stampate e anche quelle autografate da William Shatner.

leonard_ita

Congratulazioni Bill.

E adesso… vai col Premio Italia!!

 

 

Dic 07 2016

Arriva The Roddenberry Vault – Lo STIC-AL intervista il produttore Roger Lay jr.

Tra pochi giorni arriverà sugli scaffali dei negozi un cofanetto blu-ray imperdibile per gli appassionati di Star Trek. Si tratta di The Roddenberry Vault, che in 3 dischi raccoglie quanto scovato begli archivi del creatore di Star Trek, Gene Roddenberry. Scene inedite, colonne sonore separate per 12 episodi selezionati con nuovi commenti, nuovi documentari e tanto altri contenuti farciscono all’inverosimile questo prodotto.

roddenberry_vault

Nel numero 185 dell’Inside Star Trek Magazine in distribuzione in questi giorni, Gabriella Cordone Lisiero e Marcello Rossi intervistano il produttore Roger Lay jr. che ha curato l’edizione di questa incredibile raccolta. Ecco alcuni stralci.

Puoi parlarci di come è partito questo progetto? Da quanto tempo ci state lavorando?
Il progetto in realtà ha avuto diverse fasi durante gli anni. La fase effettiva di produzione, che è la fase in cui abbiamo costruito tutti i contenuti creati per il Blu-ray Star Trek: The Roddenberry Vault, è durata circa un anno e mezzo. Possiamo dire che tecnicamente sono stati due anni se si pensa a tutto il tempo in cui abbiamo riflettuto su cosa poteva essere fatto con i filmati e quale fosse il modo ideale di presentarli agli appassionati.

Quanti filmati sono presenti negli “Archivi di Roddenberry”? Li avete scansionati e guardati tutti quanti? Come avete organizzato il lavoro?
C’erano migliaia di bobine di pellicola, e ognuna variava in lunghezza: alcune erano molto corte, altre più lunghe. A volte si apriva uno dei contenitori e ci trovavamo dentro una bobina intera, lunga da 45 minuti a un’ora. Altre volte c’erano pellicole diverse nel contenitore, che potevano durare un paio di minuti, e tutte quelle pellicole più corte dovevano essere montate insieme, messe su una bobina in modo che potessero essere montate nella macchina telecinema ed essere così scansionate. C’era una quantità folle di pellicole.

Come ti sei sentito a lavorare su materiale che apparteneva al creatore della saga in persona, Gene Roddenberry?
Devo confessare che ci sono stati molti momenti, durante le fasi di produzione e post-produzione nei quali non riuscivo a credere a quello che stavo facendo: ero seduto qui nel mio studio di montaggio nell’anno 2016 ad Hollywood con queste immagini strabilianti. Cinquant’anni dopo che la produzione originale della serie sto montando scene da episodi indimenticabili come “Spazio profondo” o “Uccidere per amore”. Per un fan di lungo corso come me… era davvero incredibile quel che stava accadendo.

Di seguito i contenuti del cofanetto.

Inside The Roddenberry Vault
[Dentro l’Archivio di Roddenberry] Rod Roddenberry presenta agli spettatori la scoperta delle pellicole di Star Trek credute perdute che appartenevano al padre. Con immagini da ciascuno dei dodici episodi presenti nel cofanetto, questo documentario speciale in tre parti offre un’esplorazione guidata del significato storico del materiale appena scoperto, attraverso nuove interviste a decine di persone che hanno lavorato e studiato Star Trek.

Star Trek: Revisiting A Classic
[Star Trek la rivisitazione di un classico] ci fa dare un’occhiata alle origini della serie iconica, comprese scene di vita sul set, con nuove interviste con gli attori ospiti, i registi e il personale di produzione.
Strange New Worlds: Visualizing the Fantastic
[Strani nuovi mondi: visualizzare il fantastico] è un’immersione nella creazione delle astronavi, del teletrasporto e degli effetti visivi classici di Star Trek. Lo speciale combina elementi degli effetti visivi cinematografici nuovi e appena ritrovati con interviste ai maestri degli effetti di Star Trek, come i veterani membri fondatori della Industrial Light & Magic Richard Edlund, Doug Drexler, Dan Curry e Gary Hutzel.
Per dare accesso ai fan a tutte le immagini, anche se frammentarie, e ai dialoghi eliminati dell’innovativa serie ecco una raccolta di materiale dall’ Archivio intitolata Swept Up: Snippets from the Cutting Room Floor
[Raccolti da terra – rimasugli dal pavimento della sala di montaggio].
Disco Uno:
Episodi
L’espediente della carbonite (con traccia musicale separata)
Arena (con traccia musicale separata)
Spazio profondo (con traccia musicale separata)
Al di là del paradiso (con traccia musicale separata)
NUOVO! Commento audio di Dorothy “D.C.” Fontana e Gabrielle Stanton
Contenuti speciali
NUOVO! Inside the Roddenberry Vault (Parte 1)
NUOVO! Star Trek: Revisiting a Classic
Disco Due:
Episodi
Il mostro dell’oscurità (con traccia musicale separata)
Uccidere per amore
NUOVO! Commento audio di Roger Lay Jr., Scott Mantz e Mark A. Altman
Pianeta Deneva (con traccia musicale separata)
Guarigione da forza cosmica (con traccia musicale separata)
Contenuti speciali
NUOVO! Inside the Roddenberry Vault (Parte 2)
NUOVO! Strange New Worlds: Visualizing the Fantastic
Disco Tre:
Episodi
Dominati da Apollo (con traccia musicale separata)
Specchio, specchio (con traccia musicale separata)
Animaletti pericolosi (con traccia musicale separata)
NUOVO! Commento audio di David Gerrold e David A. Goodman
Ritorno al domani (con traccia musicale separata)
Contenuti speciali
NUOVO! Inside the Roddenberry Vault (Parte 3)
NUOVO! Swept Up: Snippets from the Cutting Room Floor
Qui potete trovare sulla pagina Facebook della Universal Pictures Italia un saluto del figlio di Gene, Eugene “Rod” Roddenberry.
https://www.facebook.com/UniversalPicturesItalia/videos/1157797104273937/
Da Ultimo Avamposto potrete acquistare sia The Roddenberry Vault che l’edizione in blu-ray della serie animata di Star Trek in uscita nello stesso giorno.
star_trek_animato
Buona visione.

Dic 03 2016

In distribuzione l’Inside 185

Come avviene da anni, una nutrita gang di soci dello Star Trek Italian Club “Alberto Lisiero” ha preparato per la spedizione il nuovo bollettino dell’associazione, l’Inside Star Trek Magazine numero 185.

istm-185

Per tutti quelli che vogliono dare un’occhiata ad alcune pagine basta cliccare qui.

Per i soci che hanno diritto a questo Inside basta cliccare qui per leggerlo tutto.

Ancora una volta questo numero è ricco di articoli esclusivi e di pagine scritte dai soci per i soci.

A chiudere, la quarta di copertina ricorda che la StarCon non si terrà più a Bellaria ma a Chianciano Terme.

chianciano

Correte a leggere mentre la redazione sta già impaginando l’Inside 186.

 

Dic 01 2016

Starcon Italia 2017: Ecco la locandina!

Per chi lavora dietro le quinte delle convention non c’è pace! Non si è ancora spenta l’eco della Reunion, e ci stiamo già dando da fare per la Starcon! Per farvi vedere che stiamo lavorando per voi, vi mostriamo in anteprima l’illustrazione che sarà alla base della locandina della Starcon Italia 2017 e di tutta la grafica promozionale della convention. Realizzata dal bravissimo Luca Pavan in esclusiva per noi.

loc-starcon_2017
Vi ricordiamo che la Starcon Italia 2017 si terrà non più a Bellaria, ma a Chianciano Terme, dal 25 al 28 Maggio. Save the date! (And the location, too!)

 

1

Post precedenti «

» Post successivi