Mag 27 2017

Starcon 2017: il secondo giorno

STARCON REPORT – GIORNO 2 (VENERDI’)

Buongiorno a tutti. Oggi è sabato, e la Starcon sta entrando nel vivo. Molti di voi sono già in viaggio per venire a Chianciano, alcuni stanno arrivando o sono già arrivati, e stanno anche già facendo la fila davanti al centro congressi del Grand Hotel Excelsior, per essere serviti dalla migliore reception di sempre. Intanto, volete sapere cos’è successo ieri, venerdì? Di tutto e di più. Giochi, quiz, con ricchi premi e cotillons. Proiezioni e conferenze, che sto rileggendo anch’io in questo momento sul programma, perché non posso ricordarmi sempre tutto (ma come è difficile da sfogliare il depliant pieghevole! Non si potrebbe tornare al librettino?).

Alla Starcon si gioca!

E, parlando di giochi, nei locali della convention svolazzava a volte un Millennium Falcon. Sapete mica se gli imperiali lo hanno abbattuto?

Il pezzo forte della giornata è stata l’assemblea dei soci dello Star Trek Italian Club, durante la quale si sono svolte le elezioni per il nuovo Ponte di Comando dello Stic. Tutti i membri (ma si puo’ dire membri, o è una parolaccia?) uscenti che si erano ricandidati sono stati confermati, e il PdC ha accolto nelle sue fila due nuove leve: a loro va il nostro augurio per il compito che spetta loro, e cioè contribuire a gestire il fan club più bello di sempre.

Il nuovo Ponte di Comando dello Stic, fotografato dalla presidente uscente, Gabriella Cordone Lisiero.

Ho detto il pezzo forte? No, non è vero: il vero pezzo forte (e direi un gran bel pezzo!) è stata la nostra prima ospite: Catherine Schell, la bella mutaforma Maya di Spazio: 1999. Gli anni sono passati, ma lei è sempre una gran bella donna, e ha incantato tutti sul palco, grazie anche alla traduzione simultanea della nostra bella e brava interprete, Elena.

Catherine Schell sul palco

Gli anni passano, ma “Maya” è sempre splendida!

Verso sera abbiamo avuto Paolo Attivissimo e Marcello Rossi, che hanno ripresentato la conferenza che tanto successo ha avuto lo scorso autunno all’ultima Reunion: “Le bufale di Star Trek”. Credevate che lo storico bacio tra Kirk e Uhura fosse stato il primo bacio interrazziale della storia della televisione? Paolo e Marcello (che non è un duo comico; non ancora, perlomeno) hanno scoperto che non è così. E ancora: è vero che Bill Shatner portava il parrucchino? I capelli erano suoi solo perché li aveva comperati? A queste e altre interessanti domande i nostri hanno dato alla fine risposta, e molte di quelle risposte vi potrebbero stupire; e magari vi hanno già stupito, se eravate in sala ieri sera. (Non c’eravate? E cosa state facendo in poltrona, a casa vostra? Venite qui!)

Paolo e Marcello. (‘Nuff said!)

Ieri sera, già. Dal lato “giochi” ha avuto luogo la leggendaria Kobayashi Maru, il gioco a squadre che occupa tutta la notte e che da anni (ma cosa dico, anni? Decenni, perdinci e poi perbacco!) caratterizza la Sticcon (che, per i più giovani, ricordiamo che è una delle convention che compongono la favolosa Starcon). I partecipanti stanno dormendo ancora adesso dopo la notte in bianco.

E mentre i giocatori giocavano, gli altri che facevano? Gozzovigliavano, naturalmente. Cosa vi aspettate da un gruppo di trekker maturi (almeno anagraficamente)? I divanetti dell’Excelsior hanno ancora una volta visto vini, spumanti, pani, salami, e…bomboloni! Insomma, abbiamo fatto una nostra convention, più ristretta e decisamente mangereccia.

Ho voluto tenermi il terzo pezzo forte della giornata per ultimo: perché a tarda serata è arrivata la brillante, meravigliosa, fantastica, spumeggiante, favolosa, bellissima, affascinante e conturbante (ma anche senza turbante)…Chase Masterson!

L’arrivo di Chase Masterson alla reception (foto: Rodri van Click)

Vista l’ora non si è presentata sul palco, e ce la siamo tenuta noi “pochi intimi”, sui divanetti, tra un bicchiere di prosecco e un bombolone alla crema. E’ la terza volta che Chase è tra noi, ormai fa parte della famiglia, e la gioia che ci porta non ha paragoni.

Chase, siamo tutti ai tuoi piedi. Sei la nostra regina! Fa’ di noi quello che voi! (Foto: sempre quello di prima)

Ah, Chase! Di fronte a te mi sento come Raji di “The Big Bang Theory”, non riesco a parlare. Nemmeno se mi faccio forza con l’alcool. Forse se provassi con i bomboloni? Domani  sera posso fare un tentativo.

Intanto continuate a seguirci. Anzi, no: potete fare di meglio. Venite qui, a Chianciano. Noi ci siamo, e vi aspettiamo.

 

Carlo Recagno

Mag 26 2017

Starcon 2017: Il primo giorno

Si parte!

Starcon anno zero.

E’ così che ci sentiamo. Abbiamo ricominciato, dopo 18 anni a Bellaria. Siamo passati dalla riviera romagnola alle colline toscane, abbiamo preso baracca e burattini e ci siamo trasferiti qui. E’ una nuova frontiera, la stiamo esplorando, stiamo andando dove nessun fan era mai giunto prima.

Pronti a incominciare: chi è di scena? Vai prima tu! No, dai, prima tu! Eccheccavolo…

E’ una fase di rodaggio e di sperimentazione, ma non preoccupatevi: ci siamo rifatti il trucco e il guardaroba, ma siamo sempre gli stessi. Al banco Stic troverete come sempre Livia Monteleone e Nicola Vianello (il quale è disponibile a tutte le ore per rinnovare la vostra iscrizione al club), e all’ingresso troverete sempre la miglior reception di sempre, pronta ad ascoltare i vostri problemi e a fornirvi del passi e di tutto l’equipaggiamento che vi serve per affrontare la Starcon…insomma, i capisaldi della Starcon ci sono e non mancheranno neanche questa volta.

Il banco Stic, con Nicola Vianello e la meravigliosa Livia.

Ma è un nuovo mondo, e vogliamo sfruttarlo al meglio per rendere la Starcon ancora migliore. Ci sentiamo un po’ come John Travolta in “Grease”: questa convention puo’ diventare sistematica, idiomatica, ultramatica…puó diventare Starcon Lightning!
(Il paragone con “Grease” non è poi così tanto alla cavolo, perché anche noi abbiamo una Rizzo, la favolosa Gabriella, che troverete alla reception, e che risolverà ogni vostro problema: se la vostra navetta da Chiusi se n’è andata sgommando abbandonandovi sul piazzale della stazione sotto il sole cocente come un cane in autostrada a ferragosto, ella smuoverà mezzo mondo affinchè qualcuno vi venga a prendere. Rizzo, ti amo, sei la mia nuova migliore amica! Voglio un figlio da te! Se non ce l’hai mi accontento di un nipote!)

E abbiamo iniziato. Tra il vecchio e il nuovo. Il nuovo è la sala, diversa da quella di Bellaria, con i palchi e i loggioni. Il “vecchio” era Marco Pesaresi (Ha! Ha!), il nostro bravo presentatore al quale manca solo un eccesso di lampada solare per essere come Carlo Conti, e che ha dato il via alla nostra manifestazione presentando come al solito i club che danno vita alla Starcon.

Uno sguardo dall’alto

Il giovedì è come sempre una giornata introduttiva, di riscaldamento. Si inizia piano piano, con proiezioni (Guida Galattica per Autostoppisti, Muppet Show), conferenze (I quarant’anni della Forza) e giochi a quiz (Federazione a catena). Tutto come da programma, ma in una nuova cornice. Alcune cose hanno naturalmente bisogno di qualche aggiustamento di tiro, come i pasti consumati alla sera al ristorante esterno dalla convention, che si sono rivelati purtroppo al di sotto dei livelli che ci avevano garantito, ma stiamo lavorando per risolvere anche questo problema (se necessario faremo intervenire l’armata klingon equipaggiata di bat’leth e di bastoni del dolore, e i Sith con il lato oscuro della Forza).

Alcune cose tuttavia non si cambiano: i capisaldi della Starcon non si toccano. Ogni anno c’è sempre chi porta prelibatezze enogastronomiche da tutte le parti d’Italia (e anche dall’estero) per il “dopo festival”, le serate sui divanetti dell’albergo in cui, a giornata conclusa, i “sopravvissuti” alla convention riposano dalle fatiche pasteggiando a bomboloni alla crema (SIIII! CI SONO ANCHE QUI!), soppressa e vini, spumanti e non.

Siamo andati a dormire alle tre del mattino, stanchi ma felici. La Starcon è davvero iniziata. Ci siamo trasferiti altrove (e non sto parlando della base segreta di Martin Mystère), ma siamo a casa.
Starcon: dove ci sono bomboloni c’è casa.

Venite anche voi, venite a trovarci. Fino a domenica siamo qui. A Chianciano. E non ci muoviamo.

 

Carlo Recagno

 

 

E dalla regia ci dicono “tutto OK”.

Mag 25 2017

Starcon: andiamo a incominciare!

Buongiorno a tutti. Oggi inizia la Starcon, edizione 2017, ed è la prima di una nuova era. Abbiamo una nuova sede, che anche noi stiamo imparando a conoscere.
Siamo in una nuova città, che non ci conosce se non di fama (sì, ci facciamo sempre riconoscere), ma che ci ha accolto a braccia aperte. E di nuovo noi spiegheremo chi siamo alla gente del posto, che si troverà in giro per la città tipi strani vestiti da ufficiali della Flotta Stellare o da Klingon, o da Jedi, o da Signori del Tempo.

Lavori in corso: questo è l’ingresso del salone, con i loghi delle associazioni che danno vita alla Starcon.

Stiamo lavorando per voi, non si vede?

Chianciano Terme era per noi una terra inesplorata, e ci siamo gettati in questa nuova avventura con lo stesso entusiasmo che abbiamo messo alla nostra prima convention. Ci siamo rimboccati le maniche e ci siamo messi a lavorare, ricominciando da capo. Abbiamo incontrato molte difficoltà, tra le quali le defezioni di due ospiti importanti, ma non ci siamo mai persi d’animo, per non farvi rimpiangere niente e nessuno. Abbiamo passato notti insonni per costruire la nostra nuova casa, e vi invitiamo ad ammirare assieme a noi il risultato.

I nostri baldi e giovani eroi affrontano una nuova sfuda: montare un tavolino. Volete sapere com’è finita?

Ha vinto il tavolino!

Noi siamo qui, e vi aspettiamo. Pronti a ricevervi, sia i veterani che le nuove leve. Chianciano è la nostra nuova casa. Prendete la valigia e mettetevi in viaggio, ancora una volta dove nessun fan è mai giunto prima!

 

 Carlo Recagno

Come direbbe Stan Lee: “Excelsior!” (che, in questo caso, è anche il nome dell’albergo).

Mag 23 2017

Non ci posso credere: Chase Masterson!

I giochi non sono ancora finiti! Non ve l’aspettavate, naturalmente, che a letteralmente un passo dalla convention avessimo ancora un asso nella manica. E invece eccolo qua, e non è un asso, ma una regina di cuori in piena regola: è una “vecchia” conoscenza della Starcon Italia, che viene di nuovo a trovarci. Stiamo parlando della bella, brava, bella, simpatica, bella, spiritosa e bella (l’abbiamo già detto, bella?) Chase Masterson, l’indimenticabile Leeta di Star Trek: Deep Space Nine (e, come voce, anche di Star Trek Online). Ma Chase è nota anche per aver interpretato Vienna Salvatori negli audiodrammi di Doctor Who realizzati dalla Big Finish, personaggio che ha meritato in seguito un suo spin-off giunto ormai alla terza stagione; ed è anche una talentuosa cantante jazz con diversi dischi al proprio attivo (“Yesterday was a Lie”, “Burned with Desire”, “Thrill of the Chase” e la compilation “Jazz Cocktail”).
Nel 2013 Chase ha fondato la Pop Culture Hero Coalition, un’organizzazione no-profit che si batte contro il bullismo, il razzismo, la misoginia e altre forme di odio.
Nel 2004 Chase è stata inclusa tra le “50 donne più sexy della fantascienza” dalla rivista Femme Fatale, e nel 2009 AOL l’ha dichiarata “una delle dieci aliene più sexy della TV”, sottolineando anche che è nota come l’ospite più popolare alle convention.
Data la sua grande carica di simpatia, che conosciamo bene, noi non possiamo che essere d’accordo, e tra pochissimo infatti sarà di nuovo tra noi.
Chase farà la sessione di autografi generale, ma farà comunque capolino sul palco come fuori programma. Preparatevi, quindi: la Starcon sta per iniziare!

Mag 22 2017

Come si mangia alla Starcon?

Come si mangia alla Starcon? Seduti comodamente a un tavolo di ristorante, che diamine! Sì, ma quale ristorante? Questo è il dilemma!
Ebbene, la quantità di iscrizioni alla convention ha superato ogni nostra più rosea previsione, e per questo il ristorante del Grand Hotel Excelsior (sede della Starcon, lo ricordiamo) non può ospitarci tutti.
Che si fa, quindi?
Per mantenere integra la nostra secolare tradizione di mangiare tutti insieme, ci sposteremo al ristorante “Lafayette”, a poche decine di metri dall’Excelsior. Un piccolo passo in più per noi, un grande passo in più per i cuochi, che potranno sfamarci tutti. Qui sotto potete vedere le foto del Lafayette, e in alto, invece, la mappa del luogo.

Specifichiamo che i pasti in comune si svolgeranno, sempre come da tradizione, a partire dal giovedì sera, inclusa la cena finale con ospiti di domenica sera.

Tutti i pasti, invece, di martedì e mercoledì (prima della convention) e di lunedì (dopo la convention) verranno serviti negli hotel in cui sarete alloggiati.

Vi aspettiamo quindi all’ora di pranzo (e di cena!) ai tavoli del Lafayette. Ricordatevi: Lafayette, come il secondo nome del capitano Benjamin Sisko di Deep Space Nine (loro dicono che non l’hanno fatto apposta), e buon appetito!

Mag 22 2017

Alla Starcon: mostra in ricordo di Giacomo Pueroni

Giacomo Pueroni era abile, scrupoloso e coscienzioso come pochi, una dote veramente rara. Era un grande professionista, che lavorava sempre con assoluto amore per il fumetto e con grande rispetto per il lettore, mettendo sempre il massimo dell’impegno in ogni cosa che faceva; sia che si trattasse di una illustrazione pubblicitaria per la sua città, Gorizia, sia che si trattasse di un albo per la Sergio Bonelli Editore.
E aveva anche una grande passione per la fantascienza: Giacomo era un fan, uno di noi, un amico, una delle colonne dello Star Trek Italian Club sin dai tempi “pionieristici”, e i veterani ricordano bene le strisce umoristiche che pubblicava sulla rivista del club quando era ancora una fanzine.
Malgrado l’avesse colpito una malattia incurabile, Giacomo ha continuato a disegnare, dal suo letto d’ospedale, finchè gli è stato possibile. Perché per lui disegnare era vivere, era la sua vita.
Ma alla fine la maledetta malattia se l’è preso, lasciandoci tutti più poveri.

Vogliamo ricordarlo alla Starcon Italia 2017 con una esposizione dei suoi lavori.
La mostra “GIACOMO PUERONI: DISEGNATORE DEL FANTASTICO” è a cura di Egisto Quinti Seriacopi e di Federico Memola (creatore di Jonathan Steele e collaboratore storico di Giacomo). E’allestita presso il Palamontepaschi di Chianciano Terme, la sede della Starcon Comics, ed è visitabile con ingresso gratuito dalle ore 9:30 alle 18:30, Sabato 27 e Domenica 28 Maggio 2017.

Disegnava il fantastico ed era un fantastico disegnatore.

 

Mag 21 2017

StarCon è anche beneficenza

La beneficenza che raccoglieremo quest’anno verrà devoluta alla Confraternita della Misericordia, un’associazione benefica di Chianciano Terme. La Misericordia svolge importanti funzioni di assistenza materiale e spirituale, distribuzione di abiti, supporto al microcredito di solidarietà e alle raccolte fondi per la ricerca, “fondamentali per fare del bene in maniera gratuita, soprattutto in un periodo in cui viviamo la crisi dei servizi pubblici che tagliano le risorse per i servizi sociali” (Cit. Sindaco di Chianciano Terme Andrea Marchetti)
CONFRATERNITA DI MISERICORDIA
Viale Lombardia 9 – 53042 Chianciano Terme (SI)
tel: O578 31221

Mag 18 2017

Star Trek Discovery: Habemus trailer!

Ecco qua, grazie a Netflix, il primo trailer di Star Trek: DIscovery, con i sottotitoli in italiano! Dopo tutti questi mesi di lavorazione senza che trapelasse neppure un’immagine, finalmente possiamo ammirare la USS DIscovery, con tanto di ponte di comando, interni ed esterni vari, e le nuove “vecchie” uniformi della Flotta Stellare. E ancora, nuovi alieni, un giovane Sarek, e…Klingon come non li avete mai visti (se si tratta davvero di Klingon)!

Ricordiamo che la serie (che ora parrebbe essere di 15 episodi e non più 13 come precedentemente annunciato) è prevista per un lancio in grande stile il prossimo autunno, e che sarà ambientata circa dieci anni prima della Serie Classica.

Mag 17 2017

Ancora un ospite scientifico alla Starcon!

Ancora un ospite dal mondo della scienza alla Starcon Italia 2017!

Andrea Bersani è un fisico dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e si occupa oggi di magneti superconduttori per la ricerca fondamentale, collaborando con il CERN di Ginevra e con il Fermi National Laboratory di Chicago. Negli ultimi anni si è occupato di rivelatori di vario genere, per esperimenti sia sugli acceleratori che sul fondo del mare o nelle viscere della montagna sul Gran Sasso. Da anni si occupa di divulgazione scientifica, scrivendo e contribuendo al podcast per Scientificast, primo podcast scientifico in Italia secondo iTunes. È stato tra i fondatori di Pint of Science Italia e ne è tutt’ora vicepresidente; ha inoltre partecipato a diverse edizioni del Festival della Scienza di Genova e alla Notte Europea dei Ricercatori sia a Genova che all’Aquila.

Ci parlerà di “Fisica delle particelle e viaggi nello spazio”
Viaggiare nello spazio può essere non del tutto confortevole: tra i problemi più seccanti che un astronauta si trova ad affrontare ci sono le radiazioni cosmiche, che, senza un’opportuna protezione, diventano potenzialmente mortali nel giro di qualche mese. Già oggi stiamo studiando come risolvere questo problema insieme a molti altri, nella speranza di poter raggiungere, nei prossimi anni, il pianeta Marte: allora avremo raggiunto una nuova frontiera dell’esplorazione dello spazio, verso strani, nuovi mondi… fino ad andare dove nessuno è mai giunto prima…

Mag 10 2017

Colm Meaney alla Starcon!

L’attesa è finita! Siamo lieti di annunciare finalmente l’ospite Trek che troverete a Chianciano, e che si affianca a Christopher Lloyd, Colin Baker, Anthony Daniels e Catherine Schell.

Per la gioia dei fan di Star Trek The Next Generation e di Star Trek Deep Space Nine, nonchè dei fan di Stargate, Starcon Italia è lieta di annunciare che il nostro nuovo ospite è… Colm Meaney!

L’attore irlandese è noto naturalmente per aver interpretato Miles Edward O’Brien in Star Trek: The Next Generation e in Star Trek: Deep Space Nine (con 225 presenze è apparso nel franchise più di qualsiasi altro attore, a eccezione di Michael Dorn). Ma lo conosciamo anche come Cowen in tre episodi di Stargate Atlantis e per le sue apparizioni in Law & Order: Criminal Intent, I Simpson e Men in Trees. È stato inoltre Thomas Durant in Hell on Wheels.

Ha al suo attivo una interessante carriera cinematografica: è apparso in Giustrizia Privata (2009), Il Maledetto United (2009), In Viaggio con una Rockstar (2010), Alan Partridge: Alpha Papa (2013) e Pelè (2016); è stato inoltre l’unico attore a comparire in tutti e tre i film tratti dalla “trilogia di Barrytown” di Roddy Doyle, e la sua carriera teatrale include una produzione all’Old Vic di “A Moon for the Misbegotten” di Eugene O’Neill.

Siate pronti per accoglierlo a Chianciano. La Starcon Italia puo’ iniziare! Capo O’Brien, attivare il teletrasporto!

Post precedenti «

» Post successivi