Giu 21 2017

Star Trek Discovery: ecco il capitano Gabriel Lorca

Poche ore fa è stata diffusa la prima immagine del capitano della U.S.S. Discovery Gabriel Lorca interpretato da Jason Isaacs.

Oltre al capitano in divisa seduto sulla poltrona di comando, sullo sfondo possiamo vedere come appare il ponte della Discovery.

Il capitano Lorca della U.S.S. Discovery

Questa immagine rende giustizia alla mancanza del capitano nel trailer della serie recentemente diffuso.

Oltre ad Isaacs, il cast di Star Trek: Discovery include Michelle Yeoh (capitano Philippa Georgiou), Sonequa Martin-Green (primo ufficiale Michael Burnham), Chris Obi (T’Kuvma), Doug Jones (tenente Saru), James Frain (Sarek), Shazad Latif (tenente Tyler), Anthony Rapp (tenente Stamets), Sam Vartholomeos (guardiamarina Connor), Mary Wiseman (cadetto Tilly), Mary Chieffo (L’Rell), Terry Serpico (ammiraglio Anderson), Maulik Pancholy (dottor Nambue), Rekha Sharma (comandante Landry), Clare McDonnel (Dennas), Kenneth Mitchell (Kol), Damon Runyan (Ujilli) e Rainn Wilson (Harry Mudd).

Di seguito il trailer del canale CBS All Access, più lungo rispetto a quello presentato su Netflix.

 

 

 

Giu 19 2017

Ecco le date di Star Trek Discovery!

La notizia è stata diffusa oggi da http://www.startrek.com, ed è già rimbalzata per ogni angolo della rete (ammesso che la rete abbia angoli). L’avrete senza dubbio già letta, e noi ci accodiamo da buoni ultimi, ma non ci possiamo esimere: la CBS ha annunciato la data in cui debutterà la tanto attesa nuova serie.

Prendete nota, quindi: la prima stagione di Star Trek Discovery sará composta da 15 episodi, e inizierà Domenica 24 Settembre; come già annunciato da tempo, il primo episodio verrà trasmesso “in chiaro” sulla rete CBS, e simultaneamente “on demand” su CBS All Access, assieme al secondo; gli episodi successivi saranno disponibili, sempre la Domenica e sempre su All Access.

Dopo un primo blocco di otto episodi, la serie si prenderà una pausa il 5 Novembre, per poi riprendere a Gennaio 2018 con i restanti sette.

In Italia Star Trek Discovery sarà disponibile su Netflix, tutti i lunedì a partire dal 25 Settembre fino al 6 Novembre. La ripresa, con la seconda metà della stagione, avverrà sempre a Gennaio 2018.
Mancano meno di tre mesi all’inizio, quindi: l’attesa sta per finire. Avremo di sicuro qualcosa di cui parlare alla Reunion (che, vi ricordiamo, si svolgerà come sempre a Riccione dal 10 al 12 Novembre)!
#savethedate #startreklives

Giu 19 2017

Star Trek al cinema ‘suonato’ dal vivo

Come anticipato nella news del 16/04/2017, l’Auditorium di Milano Fondazione Cariplo “La Verdi” nelle serate del 14 e 15 Settembre 2017 proporrà una fantastica serata dedicata alle musiche di Michael Giacchino che accompagnano il film “Star Trek” del 2009 con proiezione in sincrono del film di J. J. Abrams in lingua originale con i sottotitoli.

Per maggiori informazioni sull’evento potete andare qui.

Come l’anno scorso l’Auditorium ci chiede un piccolo aiuto per rendere questa serata ancora più bella e colorata; chi di voi ha voglia di mettersi la divisa e fare un po’ di animazione?

Cerchiamo una quindicina di persone che nelle serate di giovedì e venerdì, (non necessariamente le stesse persone) indossino la divisa di tutto punto e che, oltre a stare in compagnia e divertirsi, siano disponibili con il pubblico per fare foto ed animazione.

Ovviamente le persone che si presenteranno in divisa (per divisa intendiamo vestiti a modo da capo a piedi, pantaloni e calzature adeguati) assisteranno allo spettacolo gratuitamente.

Daremo precedenza alle divise Star Trek reboot, quelle della pellicola in questione.

Chiunque fosse interessato può scrivere alla seguente mail petticoat59@yahoo.it mandandoci nome, cognome, numero di tessera STIC-AL e una propria foto in uniforme.

Grazie a tutti.

 

Giu 13 2017

Nicholas Meyer ha Star Trek in mente

Il regista Nicholas Meyer, che ha diretto i due migliori film della saga legati al vecchio universo dell’Enterprise, è impegnato nella realizzazione della nuova serie legata al franchising Star Trek: Discovery.

Fin qui nulla di nuovo se non fosse che ha dichiarato all’Hollywood Reporter di star lavorando a un progetto su Star Trek che non è Discovery ma come per la serie, non ne può parlare.

Inutile dire che si spera in un nuovo film da lui diretto, ma dato il discorso vago, potrebbe trattarsi di un fumetto, un libro o…

Non ci resta che attendere.

 

 

Giu 13 2017

Ecco le date della Reunion 2017!

“Pronto, Dottor Palmito, è lei? Volevo sapere come stava, in quel luogo dove l’hanno rinchius…voglio dire, dove sta trascorrendo una meritata vacanza! No, volevo annunciarle la Reunion. Sì, tredicesima edizione, dal 10 al 12 Novembre 2017, sempre a Riccione, all’Hotel Mediterraneo. Non è mai stato neanche lì? Ah, guardi, è una cosa bellissima, come la Starcon, solo un po’ più in piccolo, più ristretta e più familiare. Peccato che lei non puo’ partecipare, mi hanno detto che rimarrà legat…voglio dire, ospitato ancora per un po’ in quel bel posto. Come? Vuole sapere degli ospiti? Beh, quelli li annunceremo in seguito, ma sono sempre stati eccellenti. Cosa mi sta chiedendo? Ah, certo, anche lì alla sera tardi ci si ritrova sempre sui divanetti a mangiare e bere, anzi, c’è la fiera delle specialità locali, portate dai partecipanti. Non ringhi, non capisco cosa vuole sapere! Donne cosplayer poco vestite? Guardi, come se piovesse, da tutte le parti, bisogna mandarle via…ancora? ma cosa fa, dottor Palmito? Non la capisco più! Cosa sono quegli strilli e quei pianti? Pronto?…pronto? Non sento più niente! C’è qualcuno?…”
“….”
“Pronto? Qui casa di cura “Brazil Olè Olè”. Sono il professor Datteri, medico curante del dottor Palmito. Abbia pazienza, ma quel pover’uomo ha dato in escandescenze e l’abbiamo dovuto sedare. Lei gli stava parlando della Reunion?”
“Sì, esatto, la Reunion XIII, la convention annuale di fantascienza organizzata dallo Star Trek Italian Club e da Ultimo Avamposto. Il sito ufficiale è http://www.stic.it/eventi/REUNION/index.html
“Ho sempre sognato di andarci! A quando la scheda d’iscrizione?”
“Non si preoccupi. Ulteriori informazioni verranno comunicate progressivamente”
“Mi tenga informato, mi raccomando…un momento! …. Infermieri? Fate smettere quei ringhi! Ah, non è un facocero? E’ ancora il Dottor Palmito? E dategli una dose doppia no? Sì, di quella roba che usiamo per addormentare i rinoceronti impazziti in Africa! …ecco, sono di nuovo io. Abbia pazienza, ma questi pazienti sono proprio impazienti. Mi stava dicendo?”
“Di pazientare”
“Va bene. Allora attendo notizie.”
“La avviserò al più presto. Cerea”

Giu 05 2017

In preparazione le action figures di Star Trek: Discovery

Mentre stava per iniziare la StarCon 2017, la McFarlane Toys ha annunciato di aver messo in produzione una linea di giocattoli collegati a Star Trek: Discovery che sarà commercializzata nella primavera del 2018.

Oltre ai giocattoli relativi alla nuova serie, la McFarlane ha dichiarato che usciranno action figures che spazieranno su tutto il franchising della saga.

I primi ad essere realizzati saranno dei pupazzi snodati da 7 pollici di Kirk e Picard in scatole da collezione e corredati da oggetti classici quali phaser e comunicatore. Il materiale relativo a Discovery uscirà subito dopo.

“Star Trek ha tramandato uno dei più innovativi franchise nella storia dell’intrattenimento”, ha dichiarato Todd McFarlane, proprietario e CEO della McFarlane Toys, in un comunicato stampa. “Abbiamo intenzione di portarlo avanti con la prossima linea di giocattoli, dando ai fan un look fresco e dettagliato, come meritano i loro personaggi preferiti”.

Il costo dei nuovi prodotti si aggirerà sui 20 dollari.

 

 

Giu 04 2017

Starcon 2017: il Giorno Finale

STARCON REPORT: THE FINAL DAY (DOTT. PALMITO)

Una settimana più tardi, in uno studio di psicanalista

“Permesso?”
“Entri, entri.”
“Oh, dottor Palmito, se devo dire la verità qui mi trovo male”
“Uh? Qui nel mio studio?”
“No, nella sala d’attesa. E’ tutto il giorno che aspetto il mio turno di parlarle”
“Mi scusi, è un periodo piuttosto impegnativo. Si accomodi, cominciamo subito. Mi dica: per caso soffre di attacchi di tristezza ogniqualvolta qualcuno menziona il pianeta Coruscant? Prova l’irresistibile impulso di rispondere “dottore chi?” quando qualcuno menziona la parola “dottore”? Le si azzera la salivazione quando vede una gonna corta e dei tacchi a spillo che ricordano la tenuta di Chase Masterson?”
“Sì, ma quello sempre”
“Ah già. E mi racconti, se qualcuno le dice che il suo cellulare è un android, lei per caso risponde che non è quello il droide che sta cercando? Quando sente la parola “convention” viene preso da una nostalgia che al confronto la saudade brasiliana è il carnevale di Viareggio? Scoppia improvvisamente a piangere se per caso sente profumo di bombolone alla crema?”
“E’ proprio così, dottore! Come fa a saperlo?”
“Lei è il quattordicesimo che presenta gli stessi sintomi, in questi ultimi giorni ho dovuto occuparmi di molti suoi colleghi che sono rientrati da Chianciano…”
“…con il fegato non più sano, dopo aver mangiato in quel ristorante…”
“Sì, ma quello è competenza del mio collega, il gastroenterologo, e in ogni caso prima o poi arriverà Cannavacciuolo a fargli un mazzo tanto, stia sicuro…”
(Suona il telefono): DRRIINN DRRINN
“Scusi un minuto…pronto? Cosa? No, qui non abbiamo palmiti! Sono io che mi chiamo Palmito!”
CLICK
“Abbia pazienza, mi fanno gli scherzi…dicevo, molti altri soffrono del suo stesso malessere, al rientro dalla convention. Sono tutti affetti da SDPS = Sindrome Depressiva Post-Starcon, e io li sto aiutando a riprendere una vita normale. Per dire, ieri ho ascoltato i suoi amici Jessica Farella e Massimo Romani”
“Anche loro?”
“Sì, e lei era molto più stressata di lui”.
“Come mai?”
“Perché è sposata con Massimo Romani”
“Capisco”
“Adesso si rilassi, si sdrai su quel lettino e liberi la testa da tutti i pensieri …qual è la prima cosa che ricorda?”
“Io… ero alla Starcon, sì. Sabato ero andato a letto a notte fonda, dopo aver scritto e mandato online il report della giornata. Ho dormito pochissimo, mi sono dovuto alzare subito”
“Perché?”
“La domenica mattina era programmata “Invasion Chianciano”, tutti in costume a sfilare per la città, per farci vedere dalla popolazione locale mentre ci dirigevamo in direzione Palamontepaschi”

L’invasione comincia! (Foto: Dott. Francesco Spadaro)

“E com’è stato?”
“Beh, faceva un caldo bestia per essere fine Maggio, al confronto Vulcano è Rura Penthe, ma è stato divertente attraversare la città in gruppo, sotto gli sguardi curiosi e increduli della gente che senza dubbio si chiedeva da quale pianeta fossimo sbarcati”

Ed ecco il Palamontepaschi, in mezzo al parco!

“E il Palamontepaschi, com’era?”
“Bello, anche se penalizzato dal fatto di essere distante dalla Starcon, e un po’ fuori mano. Un luogo grande, con ampi spazi in cui muoversi, banchi con gli espositori e un bel palco per il cosplay. Una piccola fiera del fumetto e dei giochi che merita di crescere e di espandersi.”

Strane presenze si aggirano per il Palamontepaschi…e chi chiamerai? …Wonder Woman, naturalmente!


“Lei ci teneva ad andarci, non è vero?”
“Sì…volevo vedere la mostra dedicata al mio amico Giacomo Pueroni, disegnatore di “Jonathan Steele”, “Dragonero” e altre serie . E’ scomparso, purtroppo, qualche mese fa, ed era giusto che venisse ricordato dalla sua famiglia. Era un grande e gli volevamo tutti bene, nello Stic e non solo”.

GIacomo, vecchio mio, questa è per te! Spero che da lassù tu sia riuscito a vederla bene…

“Sono certo che la mostra gli avrebbe fatto piacere. E mi dica, cos’altro c’era di bello, alla Starcon Comics?”
“Stefanie Groener vestita da Wonder Woman, naturalmente”

Le cose che non vedrete mai in un cinecomic: Wonder Woman non solo cerca di irretire un ufficiale imperiale…

…ma minaccia pure di passare a fil di spada il povero Threepio!

“Ah, sì, un vero spettacolo, ho visto in rete le foto. A proposito, ne ha scattate anche lei? Quante ne ha fatte? Me le passa? Ho qui la chiavetta…”
“Dottore, lei ha una strana luce negli occhi…Comunque, finita la visita al Palamontepaschi siamo tornati all’Hotel Excelsior. C’erano di nuovo gli ospiti. Come il giorno prima, abbiamo cominciato con Colin Baker. E’ in gamba, ha mantenuto un grande rapporto con il pubblico, nel corso degli anni, grazie anche agli audiodrammi che gli hanno permesso di tornare a interpretare il Sesto Dottore con la voce soltanto; perchè – diciamocelo – non c’ha più il fisico”
“Grande ospite. E poi chi c’era?”
“Di nuovo Catherine Schell. La mutaforma aliena di “Spazio: 1999”, ha presente?”
“Eccome, Maya è stato uno dei miei primi amori guardando la TV da ragazzino. E’ a causa sua che ho cominciato a portare gli occhiali”
“Vedo che ci capiamo: dopo c’è stato Anthony Daniels, che, proprio come Sylvester McCoy l’anno scorso, non si è accontentato di restare sul palco, ma è sceso in platea per mischiarsi al pubblico e stare faccia a faccia con che gli porgeva le domande: bisognava in continuazione girarsi per seguirlo, non si poteva stare tranquilli sulla poltrona.”
“Poi avete avuto di nuovo Colm Meaney e infine Christopher Lloyd, giusto?”
“Esatto, grandi attori. Anche loro hanno ripetuto con successo le performance del giorno prima. Incredibile a dirsi, Lloyd era un po’ timido e riservato, anche se cercava di non darlo a vedere, e…”
(suona di nuovo il telefono): DRRINN DRRINN
“Mi scusi solo un istante…Pronto? Cosa? Di nuovo? No, i palmiti io non li vendo, avete capito? Palmito è il mio nome! Vadaviaiciap!”
“Dottore, se la prendono in giro…”
“Non ci badi, basta sapersi abituare. Continui a parlarmi della Starcon. Mi dica, ce n’erano molte?…”
“Di cosa?”
“Di cosplayer, quelle ragazze che indossano costumi aderenti e succinti. Io vi conosco, a voi nerd, sempre a sbavare dietro a donne poco vestite! Mmmh, slurp!”
“Veramente mi sembra che sia lei a…”
“Tutte con il tacco dodici e la quinta di reggiseno, vero? Ooorgh…sento che mi sta venendo una psicanalisi! Il mio es che insorge….sìììì! Freud, Feuerbach, Schopenhauer!!…”
“Rossi, Dossena, Polenghi, Lombardo! Per favore, usi l’asciugamano, con tutta questa filosofia tedesca… Dicevo, dopo gli ospiti abbiamo avuto l’asta di beneficenza e poi la cena di gala, la prima nella nuova sede. A Bellaria eravamo abituati a spazi ampi, a Chianciano invece ci siamo trovati in una sala più piccola e abbiamo dovuto adattarci; eravamo un po’ pigiati, e i camerieri hanno dovuto fare lo slalom per servire ai tavoli, ma pazienza.”

Cena di gala: questa era la torta “ufficiale”…

…e questa invece era un semplice graduato (Ah! Ah! Che sagoma che sono!), ma altrettanto apprezzata, se non di più, soprattutto da parte degli ospiti…

“La serata è stata un successo: il taglio della torta è stato, come sempre, un momento emozionante, e Anthony Daniels ha fatto decisamente il mattatore, facendo spettacolo e mettendo all’asta la sua fetta di torta.

Catherine Schell, Colin Baker, Chase Masterson e Anthony Daniels non intendono commettere nessun brutale omicidio, con quel coltello, ma soltanto tagliare la torta. Colm Meaney e Christopher Lloyd, purtroppo, hanno dovuto lasciarci prima che la cena terminasse (Foto: Cristina Mittino)

Asta tosta: oggetti tosti per tutti i gosti! Assieme ad Anthony Daniels vediamo il traduttore ufficiale, Paolo Attivissimo (Foto: Cristina Mittino)

Il momento più bello, però, è stato senza dubbio la premiazione fuori programma e assolutamente inaspettata dei principali organizzatori – Massimo Romani, Jessica Farella e Marina Domenicali – da parte della neo-formatasi “Task force anti-ingratitudine”.

Massimo Romani, il “patron” della Starcon, riceve il premio dalle mani di una emozionatissima presentatrice (Foto: dottor Francesco “Il Navarca” Spadaro, vincitore del Premio Italia 2017 nella categoria “Articolo su pubblicazione amatoriale”)

“Mi creda, si meritavano un riconoscimento per tutto il lavoro svolto, dopo tutti i problemi affrontati e superati, e le critiche sopportate fin troppo pazientemente. Credo che Massimo si sia addirittura commosso. Ma che fa, dottore, si commuove anche lei?”
“N-no…mi è entrato il super-io nell’occhio, mannaggia a Jung! E poi?”
“E poi foto di gruppo e chiusura della convention. Ah, sì, c’è stata anche la nomina del nuovo “poster boy” che per il prossimo anno farà il testimonial dello Stic. Uno sceneggiatore di fumetti di mezza età e sovrappeso”
“Strana scelta…”
“Veramente. E pensare che l’anno scorso c’era quella bella topolona…”
“Quindi…quindi è così che è finita…”

La cerimonia di chiusura, con lo staff degli organizzatori raccolto per salutare. Nessuno vuole dire la parola “fine”, ma bisogna farlo (Foto: sempre quello là. Leggete il suo articolo e poi fatemi sapere com’è)

“Ma cos’ha? La vedo triste. Comunque sì, piu’ tardi abbiamo avuto ancora le consuete gozzoviglie sui divanetti dell’albergo per gli ultimi rimasti, ma quella è stata la chiusura. La nuova Starcon è stata una bella esperienza. E’ vero, abbiamo ancora della strada da fare: dobbiamo aggiustare il tiro in varie cose, e ci sono ancora diversi spigoli da smussare, ma del resto neanche Bellaria è stata fatta in un giorno.
Quello che conta è che questo nuovo ciclo è partito con il piede giusto, e ne siamo contenti. Certo, siamo stati tutti tristi all’idea di andarcene, e come ogni anno ci ha preso la malinconia. Ma torneremo, sì, torneremo. E fino ad allora non ci dovranno essere rimpianti, né lacrime, né ansietà. Continueremo a lavorare per quello in cui crediamo, e così facendo dimostreremo a tutti coloro che vengono alla convention che non si sbagliano a credere in noi.”
“Sigh!…sob!…sniff!…”
“Dottor Palmito, cosa le prende? Piange? Ho solo parafrasato un discorso del Primo Dottore…”
“Ma non capisce? Io…sono giorni che ascolto i racconti di tutti voi che avete vissuto la convention…di come vi siete divertiti e di come adesso vi manca così tanto…e io…io…vorrei essere stato lì con voi! Uaaaahhhh! Sono stufo di palmiti! Voglio rivelare al mondo la mia vera natura! Sono anch’io un nerd! Anch’io voglio venire alla Starcon! Voglio ricevere il braccialetto al polso dalla migliore reception di sempre! Voglio essere chiamato sul palcoscenico da Nicola Vianello e sfilare! Voglio anch’io sedermi sui divanetti dell’albergo e mangiare bomboloni alla crema assieme a Chase Masterson! Aiutatemi, vi prego! Sono depressooooo!
“Ma, dottore, che fa? Si sta strappando i capelli! Si straccia i vestiti! Non si agiti! A tutto c’è rimedio! Se tu lo vuoi, tu lo sarai, uno di noi!”
“Che mi fa, le Winx?”
“Ehm…No, no. Guardi, sta iniziando adesso subito un’altra Starcon, solo per lei!”
“Davvero?”
“Certo! Deve solo seguire quei distinti signori vestiti di bianco che la aspettano laggiù”
“Mi daranno un costume da indossare?”
“Naturalmente, e non badi alla lunghezza delle maniche e alla chiusura sulla schiena, fa parte del personaggio. Adesso salga pure a bordo della navetta. Sì, quella lì, dotata di sirena per farsi largo nel traffico.”
“La ringrazio tanto. Sono appagato. Viva la Starcon! Viva Ultimo Avamposto! Viva i bomboloni alla crema!”
“Viva Tex! Viva Zagor! Viva Mister No!”
“Lupu ululì?”
“Castellu ululà!“
(l’ambulanza si allontana)
(suona di nuovo il telefono): DRRRINNNN
“Pronto? No, quello di prima se n’è andato. Quanto tempo starà via? Dipende dalla diagnosi…come? Vuole comprare palmiti? Sì, io li vendo. Che ordinazione vuole fare?…”

Carlo Recagno

(Il personaggio del Dottor Palmito è stato rubat…voglio dire, preso a prestito dall’omonimo brano degli Squallor (1984), un mito della nostra generazione )

 

 

Giu 03 2017

Ecco il Ponte di Comando dello STIC-AL

Venerdì 26 maggio si sono svolte a Chianciano Terme le elezioni del direttivo dello Star Trek Italian Club “Alberto Lisiero”. Ecco i 7 che si sono aggiudicati il compito di portare avanti il club per i prossimi tre anni.

Per le varie cariche leggete i prossimi Inside.

Buon lavoro.

 

Giu 02 2017

I prossimi appuntamenti con lo STIC-AL a Ferrara e Soligo

Si sono da poco spenti i riflettori della StarCon dove ci siamo lasciati con un arrivederci ed ecco ora il momento di mettere in pratica quel saluto.

I prossimi appuntamenti dove lo Star Trek Italian Club “Alberto Lisiero” sarà presente sono due manifestazioni legate al mondo del fumetto e non solo.

La prima si svolge a Ferrara, la Ferrara comics & Games, e a rappresentarci come fa da alcuni anni è la USS Qapla’z che ha ideato un simpatico trailer.

 

Abbiamo ricevuto una chiamata di soccorso da parte della U.S.S. Qapla’z.
La nostra nave è stata colpita e l’equipaggio ha dovuto abbandonarla per rifugiarsi sul terzo pianeta del sistema SOL.
Arrivati sulla superfice del pianeta, ci mimetizzeremo tra gli indigeni, approfittando di un curioso rituale denominato FERRARA COMICS che si terrà il 18 e 19 giugno, nel centro storico della città chiamata FERRARA.
I nostri uomini si nasconderanno presso il Chiostro di S. Paolo in Corso Porta Reno. In quel luogo attenderanno altri soci STIC-AL e simpatizzanti per la missione di soccorso.
Fate presto, veniteci a recuperare …e a fare quattro chiacchiere con noi!
Vi aspettiamo.

Solo pochi giorni dopo, il 25 giugno, lo STIC-AL assieme allo Stargate Fan Club, gestirà un banchetto a Soligo alla Soligo Comics & Games, un evento che lo scorso anno ha visto dei soci partecipare alla gara cosplay, come potete vedere nel video presentato sulla pagina facebook della manifestazione.

 

Fenix Cosplay @ Soligo Comics 2016

Music: bensound.com

Publié par SOLIGO Comics & Games sur jeudi 1 juin 2017

Nel video dedicato alla manifestazione dello scorso anno potete vedere il banco dello STIC-AL.

 

Soligo Comics 2016

Music: bensound.com

Publié par SOLIGO Comics & Games sur jeudi 1 juin 2017

 

Vi attendiamo ai banchetti dello STIC-AL per passare delle piacevoli ore assieme.

 

 

Mag 28 2017

Starcon 2017: il terzo giorno

STARCON REPORT – Sabato

Buongiorno a tutti, e buona domenica. La Starcon purtroppo volge al termine, è l’ultimo giorno della nostra convention, ma non è ancora tempo di farci prendere dalla malinconia. Quel tempo verrà esattamente domani, lunedì, quando saremo rientrati a casa e proveremo tutti un grande vuoto dentro, come se avessimo lasciato il cuore da qualche parte; e ci prenderà la famigerata SDPS, Sindrome Depressiva Post-Starcon. Ma oggi è oggi, e domani è domani. E adesso che ci penso, questo significa anche che ieri era ieri. Già, ieri. Sabato. Cos’è successo sabato? Come diceva Massimo Boldi, “sta attento che adesso te lo dico”.

Sabato. Il giorno più lungo, e non sto parlando dello sbarco in Normandia. Una giornata straricca di eventi, per la nostra convention.
Quattro ospiti di calibro. Più una, ma questo più avanti.

Abbiamo conosciuto il nostro secondo Dottore. Che poi in realtà era il sesto, solo che per noi era il secondo, dopo la visita di Sylvester McCoy l’anno scorso, che è stato per noi il primo anche se in realtà era il settimo. Tutto chiaro, no? Insomma, abbiamo avuto Colin Baker, il sesto Dottore. Spiritoso, tranquillo e pacato, molto diverso dal suo predecessore (che, come ricorderete, schizzava da un lato all’altro del palco), ma comunque assolutamente british.

il favoloso Baker

Per gli appassionati di Star Wars, invece, c’era Anthony Daniels, l’uomo dentro il droide C3-PO. In formissima malgrado l’età non più verde. Magro, tutto vestito di nero, ha dominato il palco sin dal primo istante, conquistando il pubblico, che non la smetteva di ridere.

Questo è il droide che stavamo cercando

Poi, l’ospite di Star Trek: Colm Meaney, l’ingegnere O’Brien di Star Trek: The Next Generation e di Deep Space Nine. Simpatico e assolutamente irlandese.

E’ lui, il capo O’Brien.

E poi il pezzo forte: Christopher Lloyd, che sebbene i trekker ricordino principalmente per aver intrerpretato il klingon Kruge in Star Trek III, rimarrà universalmente noto come il dottor Emmett Brown della trilogia di “Ritorno al Futuro”. Era naturalmente invecchiato, ma il volto era sempre quello di “Doc”, ed è stato molto disponibile verso il pubblico.

Grande Giove! E’ proprio “Doc”!

Finita la maratona di ospiti, alla sera si sono aperte le danze. Non letteralmente, eh, è solo un modo di dire. Parlo del momento “clou” della convention, la serata magica che incolla tutti alle poltroncine (più comode di quelle di Bellaria, devo dire): spettacolo, costumi e premiazioni, a cui ha assistito, in prima fila, anche il sindaco della città che da quest’anno ci ospita.

La sfilata dei costumi, un punto fisso dell’universo sin da prima che ci fosse la Starcon, ancora quando esisteva solo la Sticcon. Non una gara di cosplay (anche se noi c’eravamo da prima, ma molto prima che venisse coniato il termine), bensì un evento in cui da sempre la simpatia conta più di tutto, e per partecipare è sufficiente non prendersi sul serio. E quest’anno, chi lo sa?, sarà stata la nuova location che ha ispirato le persone, ma abbiamo avuto la partecipazione più alta di sempre.


Abbiamo visto cose che voi umani non potreste neanche immaginare: vulcaniane napoletane in abito da sera, klingon che ballano al ritmo di Rovazzi, nuclei a curvatura che fanno le scale, conigli che non erano in tasca ma che eravamo contenti di vedere, ragazzi vestiti da personaggi Lego (praticamente, la Next Generation dello Stic vestiti da…Next Generation); e ancora: Dalek, cavalieri Jedi, sulibani, streghe malefiche e…il più giovane Darth Vader che mai ci sia stato dato di vedere (e già molto bravo in quanto a interpretazione).


Una serata memorabile, che resterà scolpita negli anni, nei decenni, nei trentenni, nei quarantenni (che non sono una squadra di calcio). Fantasia, inventiva, e tanto humour da parte di gente di ogni età che non ha perso la voglia di giocare e di prendersi in giro.
La serata è stata memorabile anche per l’intervento fuori programma della bellissima e simpaticissima Chase Masterson. Non me ne vogliano gli altri ospiti, ma Chase ha qualcosa che loro non hanno: e no, non mi riferivo a quello che state pensando voi (e che, per dire la verità, ho pensato anch’io), ma alla grande verve di questa ragazza (di origini italiane, oltretutto) che è stata di nuovo in nostra compagnia nel “Dopofestival” sui divanetti dell’Hotel Excelsior, in mezzo ai bomboloni alla crema (che il correttore automatico insiste a voler cambiare il “bombolini”, ma ho vinto io, porco il mondo che c’ho sotto i piedi) e ai vini.

Chase, sweet Chase.

E’ stata anche, come sapete la serata delle premiazioni. Prima di tutto, la targa “Alberto Lisiero”, intitolata al presidente dello Stic (e soprattutto grande amico) prematuramente scomparso pochi anni fa, che quest’anno è stata assegnato alla scrittore Charles Stross, ospite alla Italcon. la convention che quest’anno ha avuto una sua sede separata.
E poi i Premi Italia. Potete leggere l’elenco completo dei vincitori a questo link:

http://www.fantascienza.com/22512/premio-italia-2017-tutti-i-vincitori
qui è sufficiente dire che, con viva e vibrante soddisfazione, lo Stic porta a casa un discreto numero di premi.
La nostra Gabriella Cordone Lisiero ha vinto infatti la targa come miglior curatore, per l’Inside Star Trek Magazine. Stefania Bronzoni, invece, ha avuto il premio come miglior traduttore, e Ultimo Avamposto quello per la migliore collana (nella fattispecie la serie a fumetti Star Trek Continues). Il nostro Claudio Sonego è stato votato per il miglior racconto amatoriale, e il dottor Francesco Spadaro (che qualcuno conosce anche con il curioso nomignolo “Il Navarca”) ha vinto il premio per il miglior articolo amatoriale (pubblicato sulla rivista Fondazione).

Tutti soddisfatti, che a serata conclusa hanno brindato a vino e bomboloni; che sono la nostra unica vera droga: noi ci sfondiamo con il prosecco, e per noi non esiste il LSD, ma solo il LDS, lambrusco di Sorbara. Che volete farci, noi siamo un po’ demode’. Cosa potete aspettarvi da gente oltre la quarantina che pratica come sport estremo il binge watching e che fanno gli scemi vestendosi con pigiamini colorati?

Siamo così
Fortemente scombinati
Sempre più emozionati, stralunati
Ma potrai trovarci ancora qui
Nelle sere di Chianciano
Con un bicchiere in mano, che c’è di strano?
E ti diremo ancora un altro:
“passami il bombolone”.

 

Carlo Recagno